Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Turismo, a gennaio prezzi più bassi: aumentano le prenotazioni

Più informazioni su

Anche nel Tigullio uno dei periodi più gettonati in inverno è quello immediatamente successivo a Capodanno, ovvero la settimana dell’Epifania, in cui i prezzi scendono. Lo aveva dichiarato il presidente di Federalberghi, Stefano Zerbi, commentando le prenotazioni dell’ultimo dell’anno e la stessa tendenza vale anche a livello nazionale.

“Per le prenotazioni di viaggi nel mese di gennaio, quando generalmente i prezzi sono più bassi rispetto a Capodanno, anche se poi dipende dalle mete, i dati che abbiamo finora sono abbastanza positivi per la fascia alta del mercato. Stanno andando bene, per esempio, le prenotazioni per destinazioni come le Maldive. E questo dipende certamente dai prezzi più bassi di gennaio, ma anche perché sono posti piacevoli proprio in questo periodo dell’anno”.

E’ quanto afferma Roberto Corbella, presidente di Astoi, l’associazione di categoria dei tour operator italiani. “Ovviamente, dobbiamo aspettare le ultime prenotazioni, e sono molte quelle che arrivano sotto data, per avere un quadro certo”, precisa.

Meno bene, invece, stanno andando nel mese di gennaio le mete di fascia medio-bassa: “Questo segmento del mercato -dice- sta andando più lentamente, ma in questo caso in particolare le prenotazioni spesso si fanno all’ultimo momento e quindi è ancora presto per valutare l’andamento”.

Migliora, poi, quest’anno l’andamento delle prenotazioni turistiche nella settimana appena passata, la prima di gennaio.

“In molti -spiega il presidente di Astoi – hanno preferito partire dopo Capodanno, nella settimana dell’Epifania, quando i prezzi si abbassano, permettendo un risparmio fino al 20%”. “In generale – ammette Corbella – continuiamo a registrare segnali di attenzione verso il prezzo dei viaggi, almeno nella fascia del largo consumo, quella delle famiglie. Pesa l’incertezza economica del paese, anche se, pur non registrando numeri clamorosi, la gente sembra non rinunciare alla vacanza, magari stando appunto attenti al prezzo, cercando offerte vantaggiose o spostando il periodo della partenza”.