Quantcast
Sport

Pallanuoto maschile, Europei: Italia facile sui padroni di casa, cinque reti di Giorgetti

Pro Recco Rari Nantes Savona gara 1 scudetto

Recco. L’Italia continua a crescere, batte i padroni di casa dell’Olanda per 14 – 6 nella terza giornata e tiene il passo per ambire al secondo posto nel girone A dei campionati europei, in svolgimento al Pieter van den Hoogenband stadium di Eindhoven.

Il successo è frutto di un gioco intenso, veloce e solidale nella prima parte, più controllato e fisico nella seconda, anche se non sono mancati gli errori, soprattutto in chiave difensiva. Tra i protagonisti Giorgetti, migliore marcatore della partita con cinque gol, e Aicardi, autore di una tripletta, splendidamente serviti dalle azioni partite dalla mano di Felugo.

L’Italia chiude il primo tempo sul 3 – 2. Sfrutta due delle quattro occasioni in superiorità numerica con Aicardi e ribadisce con Figlioli il vantaggio, dopo aver subito il rigore di Gottemaker che apre le marcature e il momentaneo 2 – 2 di Spijker, che trasforma l’unico uomo in più orange.

Nel secondo parziale la nazionale italiana allunga fino al 7 – 4 con Giorgetti su rigore, Felugo dai cinque metri, Gallo in superiorità numerica e Perez a uomini pari. L’Olanda segna due volte con l’uomo in più con Spijker (5 – 3) e Gottemaker (6 – 4).

Nel terzo tempo la formazione condotta da Campagna controlla e allunga ulteriormente. Perez segna l’8 – 4 e Aicardi il 12 – 5 in superiorità numerica, Figlioli il 9 – 4 su rigore e Giorgetti il 10 – 5 e l’11 – 5 a uomini pari. Nel mezzo il goal olandese a firma di Kramer.

Nel quarto tempo l’Italia difende facilmente la manovra di un’Olanda priva di spinta. Giorgetti realizza il 13 – 5 in controfuga e il 14 – 6 in entrata. A rete anche Kramer che punisce una disattenzione difensiva per il 13 a 6.

Da segnalare che la partita, giocata davanti a circa 2000 spettatori, ha visto uscire per limite di falli Thomas Lucas a 7’49” del terzo tempo e Perez a 6’37” del quarto tempo. Nelle superiorità numeriche, Italia a segno 7 volte su 12; 4 su 8 per l’Olanda 4/8. Aantjes, allenatore dell’Olanda, è stato ammonito nel terzo tempo per proteste.

“Continuiamo a crescere – afferma Campagna -, ma ancora non stiamo giocando al nostro livello. Abbiamo commesso tanti errori, soprattutto in difesa nella prima parte di partita. Dobbiamo recuperare le energie mentali e fisiche in vista dei quarti di finale per arrivarci da protagonisti. Croazia – Serbia è stata una partita di alto livello fisico e noi dobbiamo abituarci a questo tipo di partite, che rappresentano la pallanuoto internazionale”.

“Eravamo carichi, sereni e consapevoli della nostra forza – spiega Giorgetti -. La partita è stata bella per l’ambiente che l’ha accompagnata. Per quanto riguarda il gioco abbiamo rimemorizzato schemi e movimenti difensivi: aspetti che ci hanno consentito di vincere il mondiale. Ora ci aspettano due partite importanti con l’obiettivo di arrivare secondi. Purtroppo quando siamo in vantaggio non riusciamo ad essere cattivi, a differenza di Ungheria, Croazia e Serbia che invece riescono a chiudere le partite. Stasera ho segnato cinque reti, ma il merito è di tutta la squadra. Se emergo è perché la squadra gioca al massimo”.

Il tabellino:
Italia – Olanda 14 – 6
(Parziali: 3 – 2, 4 – 2, 5 – 1, 2 – 1)
Italia: Pastorino, Perez 2, Gitto, Figlioli 2, Giorgetti 5, Felugo 1, Figari, Gallo 1, Presciutti, Fiorentini, Aicardi 3, Lapenna, Volarevic. All. Campagna.
Olanda: Stil, de Bruijn, Kramer 2, Gerritse, Gielen, Lindhout, Gottemaker 2, Frauenfelder, Verweij, Spijker 2, Thomas Lucas, Matthijs Lucas, Stegman. All. Aantjes.
Arbitri: Spiegel (Ger) e Buch (Spa).