Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Naufragio Concordia, dipendenti di Costa in corteo a Genova: “Oggi è la giornata della solidarietà” foto

Genova. Agg.h.15.20.Il corteo è arrivato in piazza Piccapietra, davanti al palazzo di Costa Crociere, dove sono stati affissi tutti gli striscioni. Dopo un minuto di rigoroso silenzio per le vittime della tragedia dello scorso 13 gennaio, ora dipendenti ed ex dipendenti della compagnia stanno lasciando a terra i propri messaggi di cordoglio.

Fiaccolata Dipendenti Costa Crociere

 

Sono oltre duecento le persone, tra dipendenti ed ex dipendenti di Costa Crociere, che oggi si sono riuniti in piazza De Ferrari per esprimere la propria solidarietà e vicinanza ai passeggeri della Concordia e ai loro familiari, ma anche per sostenere “gli eroi di Costa Concordia e per orgoglio e grande senso di appartenenza alla compagnia”. Il corteo si snoderà per le vie del centro per poi arrivare davanti alla sede della Costa in piazza Piccapietra, dove saranno affissi gli striscioni in segno di solidarietà.

L’organizzazione dell’evento è iniziata su Facebook ad opera di due dipendenti della compagnia crocieristica, il genovese Giovanni Azzaro e la savonese Luana Oliveri. Gli iscritti alla pagina sono circa 700 e molti di loro oggi sono in piazza a Genova.

“Oggi è la giornata di solidarietà nei confronti dei passeggeri della Concordia, dei nostri colleghi, delle vittime e delle famiglie che hanno vissuto e stanno vivendo questo momento non facile – spiega Giovanni Azzaro, dipendente della Costa Crociere da 9 anni e sbarcato dalla Concordia lo scorso dicembre – siamo qua per dimostrare che ‘L’equipaggio c’è’ ed è altamente qualificato e preparato. Siamo qui riuniti per mostrare la nostra unione, perché siamo una grande compagnia e siamo orgogliosi di vestire questa divisa, che rappresenta uno stile di vita. Chi lavora su una nave da crociera, infatti, sa cosa si prova, mentre non troviamo corrette le affermazioni di chi ci infanga”.