Quantcast

Genoa con il Napoli in emergenza: ma sognare non è vietato

Distinti Marassi

Genova. Domani alle 15 il Genoa si gioca la sua grande occasione: può svoltare in classifica ed al tempo stesso prendersi una dolce vendetta contro il Napoli che fece esonerare Malesani.

Come al solito, però, non sarà facile. Non lo è mai, figuriamoci contro i partenopei che non sono certo tra le squadre più abbordabili. A ciò si aggiunga la situazione infermeria: Marino dovrà metterci del suo per riuscire ad allestire una formazione competitiva, soprattutto in difesa.

Intanto il tecnico rossoblu ha deciso di sferzare i suoi nelle dichiarazioni prepartita. “Dobbiamo veramente dare una sterzata – ha sottolineato il tecnico – Non si può vanificare tutto per episodi che certamente con un po’ di attenzione in più si potevano evitare. Non c’è nessun sistema di gioco che ti fa vincere le partite se poi magari prendi gol in questa maniera”.

In mezzo, appunto, la lista degli infortunati, lunghissima (Antonelli, Bovo, Dainelli, Constant, Rossi e Veloso) ed un recupero importante (Kaladze). Non tutto comunque è perduto.

Bisogna considerare che il Napoli sta per affrontare l’impegno di Champions e che il presidente De Laurentis ha a cuore quella competizione in particolare. E allora via con il turnover, con Cavani, Inler e Maggio in panchina.

Sognare non è proibito e il Genoa questa volta può farlo certo non a sproposito.