Quantcast
Cronaca

Fincantieri, la protesta continua in via Soliman: operai davanti ai cancelli del cantiere

Sestri Ponente.Agg. h, 12. 10. Dopo aver bloccato il casello autostradale di Genova Aeroporto e via Melen, ora il corteo degli operai Fincantieri è tornato davanti ai cancelli dello stabilimento, dove proseguirà la protesta per tutta la giornata.

Agg. h. 11. Il corteo sta ora bloccando il traffico in via Melen e anche gli autobus diretti verso Caricamento stanno facendo scendere i passeggeri.

Agg. h. 10.45. Il corteo sta ora lasciando il casello autostradale di Genova Aeroporto e si sta dirigendo verso via Soliman. Probabilmente, prima di tornare davanti ai cancelli dello stabilimento, la manifestazione farà tappa sulla rotonda che collega le principali arterie viarie di Sestri. Intanto il casello in entrata è stato riaperto e tra un pò dovrebbe essere riaperto anche quello in uscita.

Agg. h. 10.15. Il blocco del casello autostradale di Genova Aeorporto proseguirà fino alle 11, poi il corteo tornerà verso la fabbrica e la manifestazione di protesta proseguirà davanti ai cancelli dello stabilimento, con blocco del traffico. Intanto la sindaco Vincenzi, dopo aver incontrato gli operai e le rappresentanze sindacali, ha lasciato il corteo.

Agg. h. 9.50. La sindaco Marta Vincenzi è arrivata in testa al corteo degli operai.

Agg. h. 9.40. A poche centinaia di metri dal casello autostradale, i lavoratori Fincantieri e le forze dell’ordine hanno iniziato la trattativa. L’accordo preso è quello di bloccare soltanto il casello autostradale di Genova Aeroporto in entrata e in uscita, ma non l’autostrada. Ora il corteo ha incominciato a muoversi e intanto, fra pochi minuti, dovrebbe arrivare la sindaco Marta Vincenzi.

Il ponente genovese è spaccato in due per via della manifestazione degli operai di Fincantieri, che stanno proseguendo lo sciopero ad oltranza dopo l’esito deludente dell’incontro di ieri con il ministro Corrado Passera.

I lavoratori sono in piazza da questa mattina all’alba e tra via Merano, via Soliman e via Puccini il traffico è completamente paralizzato, anche per via dei cassonetti riversi in strada. Ora è partito il corteo, composto da centinaia di persone, che si dirigerà verso il centro, anche se il primo obiettivo sembra essere l’autostrada.

“Lo sciopero continua, perché lo schiaffo alla città è arrivato non solo da un amministratore delegato, ma anche da un ministro, che ha appoggiato un piano industriale, ritirato a giugno, ma che di fatto è stato confermato – dichiara Bruno Manganaro, Fiom Genova – Con l’azienda ormai non abbiamo più nessun genere di trattativa, visto che ha chiaramente manifestato l’intenzione di chiudere il cantiere, ma la delusione è soprattutto nei confronti del ministro”.