Quantcast
Politica

Cambio destinazione uso ospedale di Santa, Pdl: “Speculazione inaccettabile”

matteo rosso

Santa Margherita. I Consiglieri regionali del Pdl Matteo Rosso, Roberto Bagnasco e Gino Garibaldi, su sollecitazione del Presidente della Commissione Sanità del Comune di Santa Margherita Pietro Chiarelli, annunciano di aver presentato un interrogazione urgente a Burlando e Montaldo per sapere, alla luce delle allarmanti notizie che confermano la vendita dell’immobile dell’ex ospedale di Santa Margherita Ligure dove dovevano avere sede gli ambulatori tanto promessi alla popolazione, se la Giunta regionale ha provveduto al cambio di destinazione d’uso dei locali.

“ A questo punto la situazione si fa critica – dicono Rosso, Bagnasco e Garibaldi – ci siamo già battuti in Consiglio regionale su questa vicenda per dire no a questa scelta scellerata che penalizzerebbe fortemente la sanità locale depauperando il territorio di servizi essenziali tra l’altro più volte promessi anche in campagna elettorale da Burlando e Montaldo”.

Secondo i consiglieri regionali e il consigliere comunale Chiarelli l’operazione speculativa messa in atto dalla Giunta Burlando è inaccettabile: “ qui si vuole fare cassa sulla pelle dei cittadini. Procedere alla vendita dell’immobile dell’ex ospedale di Santa Margherita è una decisione sbagliata ed il cambio di destinazione d’uso della struttura per agevolare la vendita dei locali è una cosa alla quale ci opporremo. Gravissimo infine il fatto che idenari che proverrebbero da questa decisione sbagliata non verrebbero in nessun modo investiti nella Asl 4”.

Chiarelli a sua volta precisa: “impensabile che l’amministrazione regionale bypassi in questo modo gli enti locali. Mi domando allora a cosa servano strumenti come il Puc se la Regione ha il potere, su sua decisione univoca, di modificare la destinazione degli immobili di sua proprietà cambiando di fatto la programmazione del territorio, funzione di stretta competenza delle amministrazioni comunali”.

“A questo punto vogliamo avere notizie certe relativamente all’evolversi di questa vicenda – concludono i rappresentati regionali del Pdl – Ma per fare questo visto che non ci è stato dato sapere più nulla pretendiamo di avere risposte precise alla nostra interrogazione in merito a come l’amministrazione regionale sta procedendo”.