Quantcast
Cronaca

Aeroporto occupato da operai Fincantieri, varchi bloccati: cancellazioni e ritardi

protesta fincantieri, aeroporto bloccato

Sestri Ponente. Agg.h. 12.42. Il volo in partenza per Roma è partito con solo 9 passeggeri a bordo. Tutti gli altri sono rimasti bloccati a terra e ora affollano l’atrio dell’aeroporto.

La situazione all’aeroporto di Genova, occupato da questa mattina dagli operai di Fincantieri, sta diventando sempre più tesa di minuto in minuto. Tutti i voli sono ormai in ritardo di almeno mezzora e sui cartelli si legge la scritta: “Causa manifestazione previsti ritardi o cancellazioni”. Se in un primo momento l’atmosfera sembrava tranquilla, ora anche i passeggeri stanno perdendo la pazienza e pensano di abbandonare lo scalo genovese, dicendo: “Se voi occupate l’aeroporto noi usciremo tutti fuori”.

L’aria incomincia a tagliarsi con il coltello e girano anche voci secondo cui le compagnie aeree Luftansa e Alitalia avrebbero intenzione di chiedere un risarcimento danni agli operai, che però non hanno nessuna intenzione di arrendersi.

“Proseguiremo la protesta per tutto il giorno, se sarà necessario – ha dichiarato questa mattina Bruno Manganaro, Fiom Cgil – si sono mossi tutti per appoggiare la nostra causa, dal sindaco Vincenzi al presidente Repetto, dal presidente Burlando al Presidente della Repubblica, ma nonostante questo non abbiamo ancora ricevuto nessuna risposta. Siamo stufi e se le istituzioni si lasciano prendere in giro, noi no”.

“Fino ad ora abbiamo fatto i bravi, ma adesso basta! – ha chiosato Manganaro – se questo è quello che vogliono, faremo i cattivi”.

I lavoratori sono stufi e vogliono una data certa per l’incontro con il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera. L’obiettivo da raggiungere è che a Sestri si continuino a costruire navi salvaguardando produzione, 800 lavoratori diretti e 1500 circa delle ditte d’appalto.