Samp, Edoardo Garrone alla truppa blucerchiata: “Basta parole, da adesso contano i fatti”

Bogliasco. Ancora una gara e sul 2011 sportivo della Sampdoria calerà il sipario. C’è chi tira un sospiro di sollievo, chi teme che il 2012 non possa regalare molto di più. Certo, scendere di categoria e perdere due fenomeni come Cassano e Pazzini nel giro di 365 giorni pare cosa più unica che rara, ma viene comunque difficile biasimare chi proprio non riesce a pensare positivo. L’anno nuovo potrebbe infatti cominciare con l’ennesimo addio eccellente, quello di capitan Palombo. La Fiorentina è tornata alla carica offrendo l’attaccante Ljajic come parziale contropartita.

Indolore l’eventuale cessione di Maccarone, finito nel mirino del Novara. Significativa l’infinita lista dei partenti (da Fiorillo a Foti passando per Accardi, Laczko, Padalino, Dessena, Soriano, Signori, Koman, Fornaroli e forse per i big Pozzi e Gastaldello). Se tra i cedibili ci sono 10-15 giocatori vuol dire che in estate si è sbagliato e parecchio. Lo sa il direttore sportivo Sensibile, che ha annunciato una vera e propria rivoluzione all’apertura della sessione invernale di calciomercato, lo sa Edoardo Garrone.

Il vicepresidente vicario blucerchiato è stato chiarissimo, la società di Corte Lambruschini non resterà con le mani in mano: “Opereremo per migliorare la situazione che si è venuta a creare”- ha ribadito ieri sera il figlio del petroliere Riccardo Garrone- “Spero di vedere un cambio di rotta a cominciare dalla trasferta di Pescara. Una fiammata però non può bastare, bisogna che questo cambio di rotta sia una costante da qui a fine stagione. Le parole però, ormai significano poco, contano solo i fatti; i primi a doverlo capire sono i calciatori». Calciatori a cui restano solo 90’ per convincere la società a puntare ancora su di loro.

Incerto, come detto, il futuro di Dessena. A tuttomercatoweb, Giovanni Bia, agente del centrocampista, ha parlato del futuro del proprio assistito: “Ci incontreremo con la Samp nei prossimi giorni. Con l’arrivo di Iachini il ragazzo è tornato a giocare ed è contento. Se poi dovessero arrivare richieste importanti le si valuteranno insieme alla società. Qualcosa si era mosso già in estate ma il ragazzo aveva deciso di non muoversi. Per ora non ho ancora sentito nessuno, nemmeno il Bologna che pure lo seguiva sino a qualche mese fa”.

In entrata i primi sforzi potrebbero essere concentrati per arrivare a Zito (Juve Stabia) e De Liguori (Nocerina). Elementi magari poco incensati dai media ma elementi che potrebbero fare la differenza nell’undici titolare di mister Iachini. A stuzzicare i vertici blucerchiati anche il giovane Talignani, difensore attualmente in forza alla Virtus Entella.

Ieri sono ripresi gli allenamenti, Pescara-Doria è uno di quegli appuntamenti da non fallire. Iachini ha una settimana per decidere chi schierare al posto dello squalificato Bentivoglio: a giocarsi una maglia da titolare a centrocampo Obiang e Soriano. Tra i pali ci sarà il brasiliano Da Costa, Romero è stato fermato per un turno dal giudice sportivo. Buone notizie arrivano poi da Castellini e Semioli: i due giocatori hanno finalmente ripreso a lavorare coi compagni.