Sport

Pallavolo, serie A2: Genova mette in difficoltà la capolista Segrate, al PalaFigoi finisce 2 a 3

Genova. La Carige Genova rialza la testa. Dopo due sconfitte consecutive maturate a seguito di prestazioni incolori contro Corigliano e Molfetta, i biancoblu ritrovano gioco e grinta. Non arriva la vittoria, ma i sostenitori genovesi possono essere soddisfatti della propria squadra, capace di mettere in seria difficoltà la prima della classe, sfiorando il 2 a 0 e mostrando grande determinazione per tutta la durata della gara.

Grande spettacolo anche sugli spalti, con oltre 550 spettatori. Il muro biancoblu incita e spinge con grande calore la Carige, entusiasmato dall’ottima prova dei propri beniamini. Si fa sentire parecchio anche il gruppo dei tifosi giunti da Segrate, gemellati con quelli di Genova.

I due tecnici presentano i sestetti previsti alla vigilia. Coach Del Federico schiera Pecorari e Ainsworth al centro. Come di consueto completano la formazione la diagonale Nuti – Yordanov, la coppia di schiacciatori Ruiz – Meszaros e il libero Rizzo.

La gara inizia sotto i migliori auspici per i padroni di casa. Un muro di Ainsworth regala il primo break e due aces consecutivi di Yordanov costringono Ricci a chiamare il primo time-out discezionale sul 4 – 1. Il servizio è l’arma in più di Genova (altro ace di Meszaros) e Segrate va al primo time-out tecnico sotto di tre punti. Yordanov (nella foto) torna ad essere il cecchino infallibile di qualche settimana fa e sfodera tutto il suo repertorio di colpi vincenti in attacco, impreziosito da qualche muro. Il tecnico di Segrate si gioca il suo secondo tempo di sospensione sul 12 – 7 e decide anche i cambi di Canzanella su Botto e di Braga su Russo. Una diagonale di Meszaros fa volare la Carige sul 16 a 12. La sorpresa più piacevole è tuttavia la ritrovata efficienza del muro genovese, con Ainsworth sugli scudi. L’italo-canadese ha ottime percentuali anche in attacco. Un suo primo tempo e una diagonale imprendibile di Yordanov portano la Carige sul 19 – 16. Anche Rizzo si fa apprezzare per la grande precisione in ricezione. I biancoblu hanno ben 5 set points a disposizione. Sul secondo è il solito, sontuoso Bobby Yordanov a mettere il sigillo ad un primo set praticamente perfetto per la squadra di Horacio Del Federico e Claudio Agosto.

Al cambio di campo inizio fotocopia del primo set. Due aces di Pecorari e Yordanov inframezzati da una pipe vincente di Benito Ruiz costringono anche questa volta Ricci a chiamare prestissimo il primo time-out, sul 5 – 1. Un ace di Meszaros regala l’8 – 4 alla Carige. La reazione di Segrate questa volta non si fa attendere: parità sul 9 – 9 e sorpasso dei lombardi sul 10 – 11. Il servizio di Canzanella ora mette in crisi la ricezione genovese (11 – 14). Distacco invariato al secondo time-out “obbligatorio”: 13 – 16. Gli ospiti allungano sul 15 – 20, la Carige trova il break che riaccende la speranza (17 – 20). Manassero, appena entrato su Ruiz, ha un ottimo impatto sulla gara: prima piazza una diagonale e poi un muro vincente per il 19 – 21. Un mani fuori di Meszaros e un errore in attacco di Segrate completano l’operazione riaggancio (22 – 22). Si procede punto a punto, Yordanov dalla seconda linea trova il break (25 – 24), poi c’è il contro-break degli ospiti. La lunga serie di cambi palla termina sul 30 a 32 per Segrate.

L’avvio della terza frazione è all’insegna dell’equilibrio (4 – 4). Meszaros inizia con una buona continuità, poi il muro di Segrate scava un piccolo solco (6 – 11). I biancoblu sono bravi a non perdere la testa, il muro riprende a funzionare con efficacia, Meszaros continua a fare sfracelli nella metà campo ospite e la tenacia della Carige è premiata con l’aggancio sul 13 pari. Un micidiale turno al servizio di Baranek consente ancora ai gialloblu lombardi di allungare sul 13 – 16. Un muro di capitan Pecorari e una magia di Yordanov regalano la nuova parità ai genovesi a quota 17. Un ace di Canzanella dà il break ai gialloblu (18 – 20), ma questa sera la Carige non è mai doma (22 – 22). E’ ancora il turno al servizio di Baranek a condannare i biancoblu.

La quarta frazione inizia con la novità Manassero, che Del Federico inserisce al posto di Ruiz. Tre aces consecutivi di Bobby Yordanov fanno volare la Carige sul 6 a 1. Segrate ricuce lo strappo, ma resta sotto al primo time-out (8 – 6). Nuti smarca spesso Meszaros per la pipe. Lo schiacciatore ungherese e Yordanov sono immarcabili per il muro ospite. Un altro ace dell’opposto bulgaro lancia la Carige a + 4 (16 – 12). Ricci gioca la carta Botto per Baranek, ma i biancoblu sono bravi a tenere a distanza Segrate, aumentando il vantaggio fino ad un tranquillizzante 23 – 16. Due bei primi tempi di Pecorari e di Ainsworth chiudono il quarto set sul 25 – 18.

L’equilibrio iniziale del tie-break viene spezzato dal miniallungo di Segrate che va al cambio di campo in vantaggio per 6 – 8. Due battute vincenti di Botto, rientrato nel frattempo su Canzanella, mettono l’ipoteca sulla partita a favore degli ospiti. Gli ultimi tentativi di Pecorari, Meszaros e Yordanov riportano la Carige ad un passo dai rivali (13 – 14), ma non basta: Segrate espugna il PalaFigoi vincendo il quinto set per 13 – 15.

Il tabellino:
Carige Genova – Volley Segrate 2 – 3
(Parziali: 25/20 30/32 22/25 25/18 13/15)
Carige Genova: Nuti 2, Yordanov 36, Ruiz 5, Meszaros 23, Ainsworth 13, Pecorari 6, Rizzo, Manassero 3, Tibaldo, Donati ne, Polidori ne, Nonne ne. All. Del Federico – Agosto.
Volley Segrate: Fabroni 4, Van Den Dries 19, Botto 3, Baranek 22, Alletti 9, Russo, Pesaresi, Canzanella 9, Braga 6, Radunovic, Pinelli, Preti, Caprotti ne. All Ricci – Camperi.
Arbitri: Fabio Gini e Maurizio Cardaci.

I risultati del 14° turno:
Cassa Rurale Cantù – Pallavolo Molfetta 2 – 3 (25/22 25/23 22/25 18/25 10/15)
Sir Safety Perugia – Caffè Aiello Corigliano 3 – 1 (30/28 26/28 25/17 25/18)
CheBanca! Milano – NGM Mobile Santa Croce 3 – 2 (25/22 17/25 25/18 16/25 15/13)
Bcc-Nep Castellana Grotte – Sidigas Atripalda 3 – 1 (25/15 25/27 25/12 25/23)
Carige Genova – Volley Segrate 2 – 3 (25/20 30/32 22/25 25/18 13/15)
Energy Resources Carilo Loreto – Edilesse Conad Reggio Emilia 3 – 1 (15/25 25/20 25/21 25/18)
Cicchetti Isernia – Gherardi SVI Città di Castello 3 – 1 (25/21 17/25 25/21 25/19)
Globo Banca Pop. del Frusinate Sora – Club Italia A.M. Roma 3 – 0 (25/20 25/21 25/22)

La classifica non premia i genovesi, ora al 10° posto:
1° Volley Segrate 35
2° Bcc-Nep Castellana Grotte 32
3° Sir Safety Perugia 30
4° Pallavolo Molfetta 28
5° Gherardi SVI Città di Castello 27
6° CheBanca! Milano 25
7° Energy Resources Carilo Loreto 25
8° Globo Banca Pop. del Frusinate Sora 24
9° NGM Mobile Santa Croce 23
10° Carige Genova 23
11° Caffè Aiello Corigliano 20
12° Cicchetti Isernia 15
13° Club Italia A.M. Roma 15
14° Cassa Rurale Cantù 7
15° Edilesse Conad Reggio Emilia 5
16° Sidigas Atripalda 2

Domenica 18 dicembre alle ore 18,00 si giocherà la 15° giornata con i seguenti incontri:
Pallavolo Molfetta – Energy Resources Carilo Loreto
Caffè Aiello Corigliano – Cassa Rurale Cantù
NGM Mobile Santa Croce – Bcc-Nep Castellana Grotte
Edilesse Conad Reggio Emilia – Sir Safety Perugia
Club Italia A.M. Roma – Carige Genova
Gherardi SVI Città di Castello – CheBanca! Milano
Sidigas Atripalda – Globo Banca Pop. del Frusinate Sora (ore 16,00)
Volley Segrate – Cicchetti Isernia