Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Notte di Capodanno: in piazza Duomo a Milano una festa per Genova

Genova. E così Genova, per una notte, per certi versi la più importante, si sposterà a Milano. Sul palco del 31 dicembre in piazza del Duomo infatti, un concerto dedicato alla città dopo i tragici fatti dell’alluvione: Vinicio Capossela, Giuliano Palma e the Bluebeaters, Paolo Rossi e naturalmente un genovese doc Francesco Baccini.

Sparsi per la piazza milanese punti di ristoro con spumante, panettone, e altre bevande il cui ricavato sarà devoluto alla Comunità di San Benedetto. L’esibizione di Francesco Baccini comincerà alle 21:30 e sarà introdotta proprio da Don Andrea Gallo.

“Il comune di Milano insediatosi recentemente ha preso questa decisione, e pur in un clima di sobrietà ha scelto una notte di capodanno all’insegna dell’economia per raccogliere fondi e offrirli alla città di Genova, ferita il 4 novembre. Io a Milano ho tanti amici e partecipai a una rivolta culturale fatta dai giovani proprio in favore di Giuliano Pisapia che conoscevo da tanti anni, avvocato, giovane, brillante che fu uno dei primi avvocati sulla morte di Carlo Giuliani. Il mio compito è quello di fungere da ponte, di avvicinare per un’autentica partecipazione democratica, la gente alle istituzioni. Poi ci saranno gli accordi con il comune sui 25 milioni per andare incontro a tutte le esigenze dei nostri cittadini”.

Anche l’assessore Andrea Ranieri sarà presente a questa festa solidale: “E’ un’inziativa di solidarietà che è nata proprio dalla Giunta milanese, ma è un’inziativa anche per stringere i legami tra Genova e Milano e che sia il terreno della musica e della cultura a unirci a me pare sia estremamente significativo”.

Gli fa eco Stefano Boeri il suo omologo milanese: “Milano e Genova sono città vicine e legate, lo sono state per molte ragioni tra cui l amusica, che è stato un legante continuo, per questo ci è sembrato importante dedicare questo capodanno a Genova, che è vicina a noi milanesi”.