Napoli-Genoa: le nostre pagelle

Solo un afflato debole di professionalità ci ha spinti a scrivere queste pagelle. Ne avremmo fatto a meno.

Frey 6 – l’unico che si salva, baluardo che oggi viene conquistato. Giapponese.

Mesto 5 – fa un cross, poi assieme a tutti i suoi compagni della difesa vede gli avversari scappare come matti. Sconquassato.

Granqvist 4,5 – il ragazzo piace, ma oggi forse incappa nella peggiore prestazione della stagione. Lento.

Dainelli 5 – quelli erano forti, ma qualche pezza bisogna pur metterla. Toppa.

Kaladze 4,5 – in stato confusionale. Gruviera. Dal 60’ Marchiori 6 – entra a partita ormai spenta. Dignitoso.

Rossi 5 – fa quasi tenerezza per l’impegno, ma oggi non c’era proprio storia. Stoico.

Seymour 5,5 – crudele metterlo in campo in una partita così, ma i limiti non dipendono solo dagli avversa. Acerbo. Dal 60’ Merkel 5,5 – fa poco più di Seymour. Eclettico.

Veloso 5 – qualche palla riesce a toccarla, ma sbaglia tutte le palle da mettere in mezzo. Vacanziero.

Jorquera 6 – mobilità, voglia e il gol della bandiera. Dinamico.

Pratto 5, 5- si sbatte come un terzino in una partita in cui la difesa è un colabrodo. Stentoreo.

Caracciolo 5 – arrivano pochissime palle, ma gioca male quelle che gli arrivano. Evanescente. Dal 41’ Jankovic – la partita è quella che è, ma forse avrà toccato una ventina di palloni in tutto il match. Deboluccio

Malesani 4,5 – qualche responsabilità deve pur avercela. Demotivante.