Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il 2011 dice addio: un anno di economia a Genova foto

Più informazioni su

Genova. Il 2011 che sta per concludersi è stato un anno molto ricco di fatti di economia a Genova. Dalla crisi Fincantieri al cambio della guardia alla Fiera di Genova ripercorriamo insieme i principali avvenimenti economici di quest’anno.

14 marzo. Proseguono i lavori sulla collina degli Erzelli, che si appresta a diventare un vero e proprio parco scientifico e tecnologico.

24 maggio 2011. Un migliaio gli operai di Fincantieri dopo la notizia della chiusura dello stabilimento di Sestri Ponente scendono in strada per un corteo da via Soliman sino alla Prefettura. Alla marcia di protesta si aggiungono i lavoratori di Ansaldo Energia e quelli di Piaggio al grido “Fincantieri o morte”. Tensione e cariche davanti alla Prefettura di Genova

3 giugno. L’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, ritira il piano industriale dell’azienda. Durante il tavolo con governo e sindacati, Bono avrebbe detto: “se queste sono le vostre richieste ritiro il piano”.

8 giugno. L’aeroporto Colombo ha un nuovo ponte per l’Asia: il collegamento fra Genova e Istanbul della Turkish Airlines. Sarà garantito 3 volte a settimana.

5 luglio. Da piazza De Ferrari alla Prefettura per consegnare un documento di protesta al governo: “Che il Terzo Valico si faccia e presto“. In marcia manager e banchieri, sindaco e governatore, Confcommercio e Università: “E’ un’infrastrttura fondamentale”. Una ventina di ambientalisti protestano: “Parassiti, fatelo con i vostri soldi”

20 luglio. Sara Armella è il nuovo presidente di Fiera Genova Spa. Lo ha deciso l’assemblea dei soci, che ha nominato il nuovo consiglio d’amministrazione della società per azioni a capitale pubblico. Ne fanno parte anche Beppe De Simone, Enrico Puppo, Giacomo Rossignotti, Edo Bozzo.

15 settembre. Marta Vincenzi, sindaco di Genova, si toglie la fascia tricolore in Consiglio comunale. Protesta così contro la manovra del governo Berlusconi, definita insostenibile.

17 novembre. L’assessore ai trasporti Enrico Vesco annuncia tagli shock al trasporto pubblico. “I pendolari si preparino alla catastrofe” è l’annuncio dell’assessore.

12 dicembre. Migliaia di persone scendono in piazza, sindacati uniti contro la Manovra Monti. Una folla immensa, composta da migliaia di persone, si è ritrovata alla stazione di Principe per poi marciare verso la Prefettura. Al corteo si sono uniti anche gli studenti.

22 dicembre. Nella sede della Regione Liguria il presidente Claudio Burlando firma l’accordo definitivo per il Terzo Valico. I lavori partiranno nei primi mesi del 2012.