Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, si chiude il 2011: il bilancio della Giunta

Genova. Capodanno, tempo di bilanci. La giunta Vincenzi tira le somme del 2011, elencando gli obiettivi raggiunti nell’ ultimo anno di mandato. L’annus horribilis, come sarà ricordato da molti il 2011, si chiude per Tursi con un pareggio di bilancio, così come annunciato dall’assessore Franco Miceli. Tra gli obiettivi realizzati “il rispetto del patto di stabilità” con la soddisfazione “di aver pagato tutti i nostri fornitori”, e la “riduzione del 4,8 per cento l’indebitamento del Comune”.

Legato al bilancio c’è il tema caldo delle municipalizzate di Tursi. Aster, ad esempio, “resta azienda strumentale pubblica e non sarà messa in discussione”, ha dichiarato l’assessore alle Manutenzioni, Pasquale Ottonello. Anche la vendita di Amiu è “accantonata – ha spiegato – siamo contenti per la riduzione del debito, il bilancio 2011 si chiude in positivo”. Poi c’è il capitolo Amt, su cui infiammano nuove polemiche. “Ieri abbiamo stanziato i fondi per acquistare 140 mezzi – ha detto il vicesindaco con delega al Trasporto, Paolo Pissarello – mentre sono pronti 18 milioni per proseguire il progetto della metropolitana. Inoltre stiamo terminando l’ascensore di Castelletto e la revisione di tutte le strutture in salita”.

L’altra partita su cui l’amministrazione Vincenzi, così come le altre istituzioni, vuole giocare il tutto per tutto è Fincantieri, con il futuro dello stabilimento di Sestri Ponente in bilico e la preoccupazione per migliaia di posti di lavoro. “Confidiamo nel Governo – ha detto l’assessore ai Lavori Pubblici, Mario Margini – dobbiamo affermare linea generale unitaria di sviluppo della città, perché l’unità é la nostra forza”.

Sul piano dei lavori pubblici l’attenzione è concentrata sugli interventi per gli eventi atmosferici, con 94 cantieri aperti in seguito all’alluvione, venti milioni di euro stanziati per i lavori.
Il cantiere di via Rubens è stato chiuso. E’ in partenza la strada di Crevari e sono in costruzione due asili nei quartieri difficili, Maddalena e Campasso.

Quanto alle Manutenzioni in senso stretto, l’intervento più significativo é stato per la sopraelevata. “Insieme a Farello abbiamo migliorato l’intervento per i Civ – ha spiegato Ottonello – con 60 mila metri quadri di strisce pedonali e 350 mila euro per intervenire contro i graffiti”.

Il 2011 è anche l’anno dei Parchi, con l’innalzato del livello quantitativo per il verde e l’approvazione del regolamento benessere animali. “Tutti i lavori nei parchi storici sono partiti e in alcuni casi anche finiti – ha detto l’assessore Pinuccia Montanari – per un valore di due milioni e duecentomila euro. Il museo della Rumenta é operativo e funziona grazie a fondi europei”.

In tema green, la “raccolta differenziata si attesta su livelli positivi per una città medio grande come Genova, mentre sono ormai partite le iniziative di raccolta dell’umido – ha detto l’assessore Carlo Senesi – Sei mila i metri di condotte per il ciclo dell’acqua cittadino. La fusione di Iren ha portato più investimenti”

Novità normative nell’ambito del commercio con la riforma complessiva del settore e degli orari dei negozi. Modifiche anche per i mercati rionali. Il 2011 sarà ricordato inoltre per “l’mportante divieto di vendita alcolici ai minori di sedici anni e vendita e somministrazione super alcolici ai minori 18”.

Più di un milione di visite per quanto riguarda il turismo. “Fino a ottobre le presenze erano in aumento, poi c’è stato il crollo a causa dell’alluvione – ha ricordato l’assessore Gianni Vassallo – ma stiamo continuando con l’ampliamento dell’offerta servizi per i turisti”. Trentamila le disdette sulle prenotazioni di alberghi e visite ai musei registrate a Genova a novembre a causa delle notizie sulla tragica alluvione. Il 2011 comunque chiude con il segno +, con 1,1 milione di ospiti che hanno visitato la città.

In ambito di edilizia pubblica “quest’anno abbiamo siglato l’accordo di programma con la Regione per trovare nuovi alloggi, continuando il programma di interventi sulle periferie”, ha dichiarato l’assessore Bruno Pastorino.

Nel 2011, sono partite le scuole civiche genovesi e la certificazione online. “Inoltre è stato avviato il registro di cittadini senza fissa dimora e abbiamo inaugurato il tempio laico a Staglieno”.

“Risultati ottimi – secondo l’assessore al Traffico, Simone Farello – del nuovo sistema Ztl nel centro storico che ha portato alla diminuzione degli accessi e un miglioramento ambientale con un risultato di sforamento di soli due giornate”. Senza dimenticare la Valbisagno il cui “processo di partecipazione ha portato all’esigenza di tram via” e per cui è assicurata la messa in sicurezza della sponda destra del Bisagno tramite accordo con la Regione.

Prevenzione attraverso il sistema delle telecamere ma anche sviluppo della cultura della legalità sono i capisaldi del 2011 da parte dell’assessore alla Sicurezza, Francesco Scidone. “Abbiamo istituito i presidi fissi al Galeone, in via della Maddalena e in via Turati”. Quest’anno è stato anche approvato il nuovo regolamento di polizia municipale.

Per quanto riguarda lo sport tre grandi eventi hanno segnato l’anno giunto al termine: i Global Games, Twae kondo e la tappa del Giro d’Italia.

Superata la soglia dei 500 mila i visitatori nei musei cittadini (570 mila visite). “Palazzo verde, l’archivio della stampa, il Museo della Migrazione, il Mu Ma e anche i successi del Ducale sono rivendicabili” ha detto l’assessore Andrea Ranieri, ricordando anche l’introduzione dei sistemi wireless gratuiti, il progetto Futuro in prestito e la gradinata Informa Giovani.