Cronaca

Genova, inchiesta alluvione: sotto esame le tombinature del rio Noce

Genova. Il geologo Alfonso Bellini, l’ingegnere idraulico Marco Masetti, l’ingegnere ambientale Annunziato Siviglia e il geologo Marco Tubino, il pool di periti incaricati dalla Procura, hanno 160 giorni di tempo per consegnare agli inquirenti una relazione con le risposte ai quesiti posti dai magistrati per accertare le cause dell’esondazione dei vari rii, ricostruire i fenomeni dei danni derivati dall’alluvione del 4 novembre, capire se l’evento era prevedibile e se era evitabile e infine se lo stato di allerta sia stato gestito correttamente.

Dopo i sopralluoghi compiuti lungo il torrente Fereggiano e il rio Rovare, sono ora all’esame dei tecnici le tombinature del rio Noce, nella zona di San Martino. Molti documenti, ma anche filmati, foto e testimonianze relative all’alluvione sono già stati acquisiti dal Nucleo di polizia giudiziaria e dovrà essere elaborata dai periti.