Economia

Genova, il Comune frena sulle videolottery: “Pratiche immorali e pericolose”

Genova. “Grazie al nuovo Piano urbanistico comunale (Puc) Genova sarà il primo comune italiano a contrastare la diffusione delle sale da gioco attraverso procedure urbanistiche”. La conferma è arrivata durante la seduta odierna del Consiglio comunale dall’assessore al Commercio, Gianni Vassallo.

“C’è uno stato biscazziere che lascia via libera a queste attività, le autorizzazioni spettano all’autorità di polizia e il Comune non può metterci becco”, sottolinea Vassallo – vogliamo però mettere i bastoni tra le ruote su pratiche immorali e pericolose. Per questo motivo, a Genova a ogni videolottery dovrà corrispondere un numero minimo di parcheggi attigui, in caso contrario non potrà aprire”.

L’assessore comunale al commercio ha invitato il Parlamento a legiferare per impedire la diffusione del gioco d’azzardo.