Cronaca

Genova, “No al razzismo”: domani presidio dell’Unione Immigrati Senegalesi

Genova. Si dice da sempre che gli italiani sono “brava gente”. “Negli ultimi decenni, però, in questo paese si nota un imbarbarimento totale non solo nei confronti del diverso, ma anche verso il tessuto sociale in generale. Non basta dire che la crisi è la causa principale, questo è solo un pretesto che certo non può giustificare atti di violenza gravissimi come quelli accaduti di recente a Torino e a Firenze”.

Lo spiegano gli organizzatori del presidio che si svolgerà domani alle 15 alla Commenda di Prè, ovvero Unione Immigrati Senegalesi di Genova, Movimento Nuovi Profili, Ass. Ce.Sto, Arci Genova, Alessandra Ballerini.

“La violenza xenofoba è l’espressione di un male difficile da estirpare e spesso legittimato da quegli stessi che dovrebbero contenerlo. Questo assurdo gesto non può passare inosservato, perché è l’ennesimo di una pratica quotidiana, dove lo straniero è oggetto di denigrazione e vittima del razzismo sociale ed istituzionale che caratterizza la nostra epoca.

Noi, Unione Immigrati Senegalesi di Genova, crediamo fermamente, invece, che proprio nelle difficoltà debbano emergere i valori umani più profondi: la solidarietà e il rispetto verso l’altro – concludono – E’ il momento di unirci e di organizzarci per una presa di coscienza di questa situazione drammatica. Chiediamo a tutti di ribadire una ferma contrarietà alla violenza xenofoba fomentata dai media e da alcuni rappresentanti istituzionali. Esprimiamo il nostro cordoglio ai familiari delle vittime e la nostra vicinanza a tutti coloro che hanno subito disumani atti di discriminazione razziale”.