Genoa-Napoli, Malesani tenta il colpaccio: “Giocheremo all’attacco, con due punte”

Genova. Pianeta Genoa in dirittura di arrivo verso la pausa natalizia e le sospirate vacanze. Nei giorni prossimi si penserà a rinforzare la rosa, ma anche a mettere a punto la condizione fisica in vista della volata finale. Ieri il presidente Preziosi ha espresso un nuovo, ennesimo apprezzamento per un attaccante, questa volta è toccato ad Amauri. L’impressione è che volgia confondere un pò le acque in attesa di piazzare il colpo. Si parla di almeno due nuovi arrivi per gennaio.

Sulla strada del riposo, però, si trova il macigno Napoli. E non è problema da poco. E’ vero, i partenopei non stanno ottenendo risultati all’altezza della passata stagione e Cavani, pur rimanendo pericolosissimo (ed il Genoa questa serà dovrà tenerlo ben presente) non segna più così a raffica. Il Napoli rimane la squadra fortissima e spettacolare ammirata nel campionato passato ed a tratti anche nell’attuale, ma probabilmente sconta gli impegni europei. Quale migliore occasione per il Genoa?

Deve averlo pensato anche Alberto Malesani, se ieri, durante la conferenza stampa prepartita, si è lanciato in un sorprendente “A Napoli giocheremo con due punte sicuramente. A trazione anteriore, comunque sia. Si rischia. Vediamo cosa viene fuori”. Il tecnico lo ha presentato come un regalo a chi lo aveva criticato nelle settimane scorse, a chi lo definiva “mollo” e lo rimproverava di non provare neppure ad impensierire gli avversari.

E’ comunque una svolta importante: il Genoa fin qui si è mostrato troppo timido contro le grandi ed infatti ha raccolto un punto appena contro Milan, Inter e Juve. Non è certo detto che il cambio porti risultati migliori, ma, vista la classifica che sorride, si può anche tentare un azzardo. Lo sa bene Malesani: “Non siamo superiori al Napoli, se partiamo da questo presupposto cominciamo male. Il Napoli è nettamente più forte, dobbiamo far leva su determinazione, aggressività ed umiltà per cercare di colmare il gap”.

Negli azzurri mancherà Lavezzi, infortunato, e questo è certo un altro vantaggio, il Genoa dovrà fare i conti con la solita assenza di Palacio e la squalifica di Moretti. A dire il vero, però, quando l’argentino si fece male in molti temevano un crollo del Grifone che, invece, si è comportato sempre in maniera quasi perfetta. L’utilità dell’attaccante non si discute e quando tornerà avrà un posto da titolare, ma per ora è meglio continuare così. Dopo tutto, come dice il detto, squadra che vince non si cambia. A Napoli, patria della scaramanzia, fanno già gli scongiuri.

Più informazioni