Economia

Fusione per il Banco di San Giorgio con Banca Regionale Europea

Genova. Il Consiglio di Amministrazione del Banco di San Giorgio, riunitosi oggi, ha approvato il progetto di fusione per incorporazione del Banco di San Giorgio nella Banca Regionale Europea (BRE), società entrambi appartenenti al Gruppo UBI Banca. Analoga delibera è stata assunta dal cda incorporante.

Ad oggi, il capitale sociale del Banco di San Giorgio è detenuto dalla Banca Regionale Europea per il 57,50% e da UBI Banca per il 38,19%; la restante quota, pari al 4,31%, é suddivisa tra circa 3.300 azionisti terzi. BRE procederà all’acquisizione della totalità delle azioni ordinarie del Banco di San Giorgio detenute da UBI Banca, 26.001.474 azioni, al prezzo unitario di Euro 5,935.

Il Consiglio di Amministrazione del Banco di San Giorgio ha preso atto di tale prezzo, che è stato determinato in 5,935 euro sulla base della metodologia del Dividend Discount Model e quindi arrotondato a 6,00 euro a tutela ulteriore degli azionisti del Banco di San Giorgio. Il capitale sociale di Banca Regionale Europea verrà eventualmente elevato da Euro 468.880.348,04 per un massimo di Euro 3.430.817,00 mediante l’emissione di azioni ordinarie da nominali Euro 0,52 al servizio del concambio a favore degli azionisti di Banco di San Giorgio

Più informazioni