Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Confindustria Cuneo devolve l’importo del concerto di Natale: 20 mila euro per gli alluvionati genovesi

Genova. Questa mattina, venerdì 16 dicembre, presso la sede di Confindustria Genova, una delegazione in rappresentanza di Confindustria Cuneo ha consegnato all’assessore comunale alle Politiche formatiche e Servizi educativi, Paolo Veardo, un assegno dell’importo di 20 mila euro da utilizzare per il recupero della scuola materna “Gianni Rodari”, una delle tante strutture rimaste danneggiate dall’alluvione. Alla consegna erano presenti il direttore di Confindustria Cuneo, Luigi Asteggiano, i consiglieri Massimo Mereta e Corrado Caviglia, e il presidente di Confindustria Genova, Giovanni Calvini.

“La decisione del presidente della nostra Associazione, Nicoletta Mirgolio, e del Consiglio direttivo di devolvere l’importo del tradizionale Concerto di Natale a favore della scuola materna Rodari – ha dichiarato Luigi Asteggiano – non rappresenta solo un gesto di solidarietà a una città vicina ma è anche un segnale di sobrietà in un momento in cui la crisi in atto sta mettendo a dura prova le aziende associate e la società intera. Un atto di altruismo verso i più piccoli, un seme di speranza per chi rappresenta il futuro di una città”.

L’assessore comunale alle Politiche formative e Servizi educativi, Paolo Veardo, ringraziando gli Industriali di Cuneo per il generoso contributo, ha spiegato che “a causa dei danni ingentissimi per il crollo di un muro storico di contenimento, l’area giochi della struttura al momento non è agibile. Con l’aiuto di Confindustria Cuneo – ha aggiunto -, speriamo di terminare i lavori di ristrutturazione entro Pasqua, in modo che in primavera i 70 bimbi che frequentano la scuola possano riprendere le attività ludiche”.

Il presidente di Confindustria Genova, Giovanni Calvini, ha sottolineato l’importanza di far parte di “un sistema che mette al centro della sua azione valori, come la solidarietà”, ricordando le iniziative promosse in tal senso da Confindustria nazionale, dai Giovani Imprenditori di Confindustria e della stessa Associazione genovese, finalizzate alla raccolta di fondi a sostegno delle imprese e dei cittadini vittime delle alluvioni di Genova e La Spezia.