Quantcast

Beppe Iachini: «Se non facciamo gli spacconi possiamo risalire la classifica»

Genova. In scena domani Reggina-Samp. Sono le ultime due squadre allenate da mister Atzori. In Calabria il tecnico ha lasciato un gran ricordo sfiorando un’insperata promozione; a Genova gli è andata decisamente peggio con il recente esonero servitogli dal direttore sportivo blucerchiato Pasquale Sensibile. Adesso questi due compagni si ritrovano faccia a faccia, in palio 3 punti che pesano come macigni. Atzori non si è sbilanciato in pronostici, forse il match gli interessa poco. Sicuro interessato Beppe Iachini, il suo successore sulla panchina doriana.

“A Reggio troveremo un ambiente infuocato, il pubblico amaranto è da sempre tra i più caldi”- ha avvertito Iachini nella consueta conferenza stampa della vigilia- “ma siamo la Samp e dobbiamo essere in grado di superare prove di questo tipo. Sono curioso di vedere con che piglio scenderà in campo la mia squadra; spero che i ragazzi riescano a fare quello che gli ho chiesto”.

Iachini sta imponendo pian piano il proprio credo calcistico: ”Sono arrivato da poche settimane ed è ancora presto per dire se quella che ho tra le mani sia già la Samp di Iachini. Vanno messe a posto ancora tante cose ma i segnali sono positivi, lo diventerà presto; inizio a vedere cose giuste; possiamo crescere ancora. Siamo all inizio di una salita ripidissima ma stiamo lavorando e col tempo la scaleremo, risaliremo la classifica. Tireremo fuori la personalità e miglioreremo, giorno dopo giorno. Tabù Ferraris? Basta parlarne, quella è casa nostra, la nostra famiglia”.

Ai tifosi nessuna promessa particolare: “Non mi piace chiacchierare, io lavoro sul campo. Ho parlato in tempi non sospetti e ho detto che i risultati arrivano se la squadra scende in campo in una certa maniera e con il giusto atteggiamento, quello che ho visto nell’ultima partita. Bisogna però essere più determinati e cattivi; soprattutto reggere per 90’ con la stessa intensità. Non sono un mago e non so quanto ci metteremo per trovare la condizione fisica ideale. Nella sosta lavoreremo per questo. Ho detto ai ragazzi che avranno meno giorni di festa perchè bisogna lavorare sodo; dal canto loro si sono subito resi disponibili”.

Sulla formazione anti Reggina nessuna anticipazione: “A seconda della partita sceglierò quei giocatori che possano darmi maggiori garanzie sul piano fisico. In difesa non sono ancora riuscito a trovare una soluzione definitiva a causa degli infortuni ma mi aspetto tanto anche dalle così dette seconde linee; devono trovare la voglia di ritagliarsi un ruolo importante. Piovaccari titolare? Non fidatevi di quello che vedete nelle amichevoli settimanali. A volte voglio far giocare ragazzi che magari ho impiegato meno per farli sentire coinvolti. Piovaccari e Pozzi si stanno alternando là davanti. Entrambi stanno ritrovando la giusta condizione, sceglierò su chi puntare solo domani mattina ma sicuramente mi aspetto molto da entrambi”.

Poi le conclusioni di mister Iachini: “Tutte le partite sono importanti. Vorrei vincere il prima possibile, speravo di riuscirci già col Modena. Fare 3 punti domani sarebbe fantastico ma il nostro campionato non finisce a Reggio. La classifica la vedremo a fine febbraio. Sono una persona concreta, non bisogna sperare in qualche miracolo ma lavorare senza fare gli spacconi che pensano di poter vincere ovunque. Se si lavora i risultati arrivano”.