Benzi e Rossi rispondono a Carannante: “La vendita degli immobili non dipende dal consiglio regionale, ma dalla giunta”

Regione. “Leggiamo con un certo disgusto gli attacchi personali che il signore Andrea Carannante ci rivolge, chiamandoci in causa per quel che riguarda la vendita dell’ospedale di Santa Margherita”, scrivono i due consiglieri regionali.

“Non capiamo come mai siamo tirati in causa direttamente visto che, come tutti sanno, il piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari dei beni di proprietà della Regione Liguria, necessario per tappare il buco di 180 milioni
di euro della sanità entro fine anno e mantenere così un livello minimo di sanità pubblica e non dovere mettere le tasse al massimo come prevede la legge, verrà deciso dalla Giunta Regionale e non dal Consiglio di cui
facciamo parte”.

“Se e come vendere l’ex ospedale Arpe di S.Margherita Ligure lo deciderà pertanto la Giunta Regionale, organo in cui Sel non è peraltro rappresentata”.

“Registriamo infine con dispiacere il perdurante vizio di certa sinistra di rivolgere i propri attacchi più violenti – probabilmente per testimoniare di esistere politicamente – a chi dovrebbe essere considerato politicamente più vicino (o perlomeno meno distante), in questo caso a due consiglieri regionali di sinistra che da inizio legislatura sono stati in prima fila per difendere in prima persona la sanità pubblica della nostra Regione”.