Sport

Basket, serie C nazionale: Sestri Levante domani a Sarzana, per il terzo derby della stagione

Sestri Levante. Domani, a Sarzana il Centro basket Sestri Levante affronta il terzo derby della stagione in serie C nazionale di pallacanestro, dopo quello casalingo con Loano e quello esterno con Follo. Appuntamento alle 18.30 al palazzetto di Sarzana.
I padroni di casa si presentano sul parquet a 16 punti (8 vittorie su 12 gare, con un partita da recuperare, con Tortona). Su cinque partite giocate in casa da Sarzana sono quattro quelle vinte (con Loano, Rho, Crocetta e Novara), come sono sempre quattro le vittorie esterne (con Alessandria, Savigliano, Trecate e, nel recupero giocato mercoledì, con Biella, su un totale di sette giocate).

Nei due derby fin qui disputati Sarzana ha vinto con Loano e perso con Follo; il Sestri invece ha perso con i primi (di un solo punto) e vinto coi secondi (sempre di un punto, fuori casa). Sarzana in media segna 71,8 punti a partita, subendone 70,6. Il Sestri ne segna 68,1, subendone 73,3. La partita di domani rappresenta una tappa importante nella stagione del Sestri. A dare la carica ai biancoverdi Francesco Conti, top scorer dell’ultima uscita contro Tortona: «Tutte le vittorie portano due punti, ma questa con Sarzana varrebbe anche di più. Innanzitutto potrebbe aiutare molto a tirarci su il morale: si tratta comunque di un derby. In più in campo incontreremo degli ex. Direi che motivazioni ne abbiamo tante, dobbiamo solo dimostrarle in campo».

Si allena regolarmente con il gruppo Luca Cantelli, centro livornese rimasto fermo contro Tortona a scopo precauzionale. Sabato sarà regolarmente in campo. Tutti quindi disponibili i biancoverdi in vista di un impegno particolarmente sentito. «E’ un derby che vogliamo vincere ad ogni modo, ci stiamo preparando per dare il massimo – spiega coach Marco Mori -. La squadra si sta allenando bene, svolgendo un buon lavoro tecnico e atletico». Ci si concentra sulla difesa per contenere il gioco avversario: « Loro sono un buon gruppo, con alcuni elementi di spicco – aggiunge Alessandro Brega – , ma noi dobbiamo riuscire a difendere forte e tenere alta la concentrazione per tutti i 40 minuti. Ed è proprio su questi aspetti che continuiamo a lavorare durante gli allenamenti».