Politica

Scuola, Rossetti: “Servono nuovi fondi, speriamo nel nuovo Governo”

Genova. “La riforma della scuola è da rivedere e a questo Governo tecnico che sta nascendo chiediamo soprattutto un nuovo metodo di lavoro”. Così l’assessore regionale alla formazione e al bilancio Pippo Rossetti, partecipando oggi all’inaugurazione del salone ABCD Orientamenti, a cui hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore regionale alle politiche giovani, Lorena Rambaudi, l’assessore regionale al lavoro e ai trasporti, Enrico Vesco

“L’emergenza principale è la sicurezza perché il Governo Berlusconi si è dimenticato dell’edilizia scolastica – ha continua Rossetti – decidendo di stanziare finanziamenti per rimettere a posto i tetti delle scuole senza però consultarsi con le Regioni. Al nuovo esecutivo chiediamo una maggiore collaborazione e risorse per realizzare più laboratori nelle scuole tecniche professionali, per reintrodurre il bilinguismo e per una diversa politica di reclutamento degli insegnanti”.

La Liguria -continua Rossetti- al pari delle altre regioni d’Italia, si è attivata in questo senso: “Abbiamo fatto delle proposte sul diritto allo studio universitario e riteniamo che ci possano essere delle misure da modificare anche sotto il profilo economico. Ad esempio ritengo che i libri scolastici nelle scuole elementari non debbano essere dati gratuitamente a tutti, a prescindere dal reddito, ma si possa chiedere a chi oltrepassa una certa soglia di reddito di pagarli”.