Cronaca

Maltempo in Liguria, allerta 2 anticipata alle 22 di stasera: le misure da adottare

Liguria. Anticipata alle ore 22 di questa sera l’Allerta 2 (il grado massimo) sulle zone di Centro e Ponente della regione; confermata a partire dalle 6.00 di domattina, venerdì 4, l’Allerta 2 sul Levante.

Il vento di scirocco, ricco di umidità, favorirà piogge diffuse e persistenti, relativamente più intense sul Ponente e sul Centro, con temporali localmente anche forti possibili su tutto il territorio regionale; attenzione alle mareggiate che colpiranno le due riviere.

Per monitorare al meglio le prossime sessanta ore, il Centro Funzionale di Protezione Civile di Arpal, durante tutta la fase di allerta, emetterà quattro aggiornamenti quotidiani. Il contatto con la sala operativa della Protezione Civile regionale e nazionale sarà ininterrotto; significative variazioni degli scenari verranno comunicate in tempo reale alle autorità e appariranno sul sito internet www.arpal.gov.it alla voce meteo.

Restano valide le comunicazioni diffuse relative alle misure di autoprotezione, “cui è bene fare riferimento senza lasciarsi trasportare da allarmismi”, rende noto Arpal. Prima dell’evento è opportuno: per i residenti in aree riconosciute a rischio di inondazione evitare di soggiornare e/o dormire a livelli inondabili; predisporre paratie a protezione dei locali situati al piano strada, chiudere/bloccare le porte di cantine e seminterrati e salvaguardare i beni mobili collocati in locali allagabili; porre al sicuro la propria autovettura in zone non raggiungibili dall’allagamento; prestare attenzione alle indicazioni fornite dalle autorità, dalla radio o dalla tv; verificare gli aggiornamenti dei pannelli luminosi ove siano disposti; consultare il sito regionale del Centro Funzionale della Protezione Civile della Regione Liguria (www.arpal.gov.it alla voce meteo/Livello vigilanza/Allerta) dove è illustrato il livello di Allerta e l’evoluzione d’evento in tempo reale.

Durante l’evento invece occorre: non soggiornare e/o dormire a livelli inondabili; non sostare su passerelle e ponti e/o nei pressi di argini di fiumi e torrenti; rinunciare a mettere in salvo qualunque bene o materiale e trasferirsi subito in ambiente sicuro; staccare l’interruttore della corrente e chiudere la valvola del gas; non tentare di raggiungere la propria destinazione, ma cercare riparo presso lo stabile più vicino e sicuro; prestare attenzione alle indicazioni fornite dalle Autorità, dalla radio o dalla TV; verificare gli aggiornamenti dei pannelli luminosi, ove siano disposti ed il sito web; prima di abbandonare la zona di sicurezza accertarsi che sia dichiarato ufficialmente
cessato lo stato di pericolo.