Cronaca

Immigrazione, “Memoria e Migrazioni”: i messaggi di Napolitano e Fini

Genova. E’ stata inaugurata ieri la mostra “Memoria e Migrazioni” e anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e quello della Camera Gianfranco Fini hanno voluto idealmente essere presenti. In nome e per conto del presidente Napolitano, il prefetto di Genova, Francesco Musolino, ha consegnato agli organizzatori una targa della presidenza della Repubblica. Fini invece ha inviato un messaggio in cui sottolinea come la mostra, organizzata nell’ambito del 150/mo dell’unità d’Italia, “possa contribuire a diffondere i valori dell’accoglienza e della solidarietà, anche in nome dei nostri emigranti”.

La mostra propone infatti un percorso che collega, anche visivamente, l’esperienza di un secolo fa vissuta dagli emigranti italiani verso New York, Buenos Aires, San Paolo, con quella degli emigranti del Marocco, della Tunisia, del Senegal, che oggi giungono in Italia.

“Proprio i barconi sono la cosa più straordinaria di questa mostra – ha detto il sindaco di Genova, Marta Vincenzi, applaudita dai presenti -. Spero che chi entra qui, esca con una consapevolezza diversa su ciò che significa emigrazione”. Il presidente della Regione Liguria, a sua volta applaudito, ha ricordato come anche i suoi nonni siano partiti da Genova per approdare, come tanti altri italiani, ad Ellis Island, New York. “Chissà se su questi stessi barconi qui esposti ci sono stati ragazzi che qui oggi ci ascoltano” ha detto rivolgendosi ai tanti immigrati presenti. “Questa mostra è in primo luogo per loro, e per far vedere, da Genova, che è solo con la cultura dell’accoglienza e della solidarietà che si può affrontare il problema dell’immigrazione. Credo che da Genova oggi si alzi un bel segnale a tutta l’Italia”.