Cronaca

Genova, saluta amico con un bacio: a processo

Genova. Un’accusa pesante. Una prova. Un lungo processo. Infine l’assoluzione. Un uomo di 36 anni, titolare di un discobar per aver baciato sulle guance un conoscente, presunto autore di un furto, che aveva incontrato alla stazione, dopo essere stato incriminato è stato assolto dai giudici del tribunale penale.

Secondo l’accusa l’uomo avrebbe aiutato un giovane, accusato di aver portato via alcune monete da una cassetta, nel bar della stazione, a sottrarsi alle indagini riferendo ai carabinieri di non conoscerlo. Il filmato di una telecamera, infatti, lo aveva immortalato mentre scambiava il saluto, con tanto di bacio, con il presunto autore del furto. I fatti risalgono all’inverno del 2007.

L’uomo ha sempre sostenuto di conoscere di vista quel giovane perché, insieme a un gruppo di amici, in diverse occasioni, aveva frequentato il suo bar affermando che era solito salutare affettuosamente. Oggi al processo il difensore dell’imputato, Giuseppe Tortorelli, ha detto: “Se si guarda alla moda in voga tra i giovani, non sembra così inverosimile il bacio ritratto nel fotogramma”. “In molti Paesi dell’America Latina, ad esempio, quando si incontrano, anche tra conoscenti, si scambiano due baci su entrambe le guance, in Francia lo standard è di due o tre baci ma è anche tipico delle culture ortodosse: è diffuso in Polonia, Ucraina, Serbia. In questi casi il bacio non ha dimostrazione di affetto ma solo di saluto”.

Più informazioni