Genova alluvione, Cristian Silvestri: “Finito un incubo” - Genova 24
Cronaca

Genova alluvione, Cristian Silvestri: “Finito un incubo”

alluvione genova 2011

Genova. E’ finito un incubo per Cristian Silvestri, il 21enne dato per “disperso” e poi “tra i morti” nell’alluvione di Genova. “Sono vivo”, ha subito scritto su Facebook, ma solo dopo aver chiamato la nonna per rassicurarla. Cristian è un sopravvissuto, in realtà.

Colpito dal fiume impazzito in via Fereggiano, è riuscito a salvarsi entrando in un portone. Poi, ha aiutato due ragazzi a trascinare via dall’acqua altre persone. “E’ stato brutto, brutto davvero leggere il proprio nome tra i morti, la cosa più brutta di quella giornata”, ripete.

“Quando il torrente è esondato – ricorda – mi sono trovato all’improvviso con l’acqua all’altezza del petto. Appena è arrivata l’onda sono caduto come un fuscello nel fiume. Ero accanto a una signora e insieme ci siamo rifugiati in un portone”. Fuori è un inferno: Cristian riesce a pigiare il tasto ‘chiamate’ del suo cellulare e a parlare con la nonna. La rassicura, ma non riesce neppure a completare la frase perché la comunicazione si interrompe. E’ black out. I cellulari non funzionano, le luci si sono spente. Si sentono solo i boati delle auto che cozzano le une contro le altre, che si schiantano contro i muri. E, poi, le urla, le invocazioni di aiuto, sirene in lontananza.

“Davanti a noi molte persone venivano trascinate via con una violenza terribile”. Cristian, appena può, si getta fuori e raggiunge due ragazzi che stanno già cercando di afferrare una donna, rimasta incastrata. La liberano e poi ‘nuotano’ più lontano per aiutare una giovane con un bambino. “Quando le notizie dei morti hanno cominciato a circolare – racconta – ho sentito che si stava cercando un ragazzo. Non ho sentito nomi”. Solo in seguito, una volta a casa con i genitori, Cristian vede sul sito di un quotidiano il suo nome: prima disperso e poi dato per morto. Fortunatamente, dice sorridendo questo bel ragazzo con i riccioli castani e uno sguardo dolce, “quando ho visto quelle notizie era sera, fortunatamente ero a casa”.

Facebook è già “impazzito”, messaggi di dolore, incredulità, amici che lo piangono altri che non si arrendono, non ci credono. E’ ancora Facebook a consentire a Cristian di “farsi vivo” nella comunità degli internauti e rassicurare gli amici. Una sensazione orribile vedere il proprio nome accanto alla parola “morto”, un’angoscia forse ancora più profonda di quella provata nel momento del pericolo, quando però è l’istinto di sopravvivenza che ti fa muovere, correre, resistere alla paura e alla disperazione. Cristian non si stacca dal computer per ore, scrive, racconta, una sorta di “rinascita” la sua, di ritorno alla vita nell’abbraccio virtuale della comunità del social network.

Più informazioni