Alluvione Genova, solidarietà anche dal mondo del calcio: volontari, striscioni e silenzio - Genova 24
Cronaca

Alluvione Genova, solidarietà anche dal mondo del calcio: volontari, striscioni e silenzio

alluvione genova 2011

Genova. Un minuto di silenzio assoluto, quindi non interrotto dagli applausi, ed un’atmosfera di commozione su tutti i campi della serie A dove si è osservato 1′ di ‘raccoglimento’ in memoria delle vittime dell’alluvione di Genova.

Tutte le squadre hanno osservato il minuto disposte a cerchio sul centrocampo, i giocatori abbracciati. Sugli spalti di tutti gli stadi sono stati esposti striscioni: ‘Ciao Sandro volontario morto da eroe’: con questo striscione la curva sud del Milan ha voluto ricordare Sandro Usai, il volontario della Protezione civile di Monterosso che ha perso la vita il 25 ottobre nell’alluvione che ha colpito la zona delle Cinque Terre.
Altri striscioni erano quello al Friuli che dice “Udine saluta gli amici di Genova”, o del Meazza ‘Solidali con le vittime dell’alluvione.

La solidarietà è stata anche quella di trecento ultras del Genoa sono comparsi oggi in corteo in via Fereggiano, sciarpe rossoblu attorno al collo e pale in spalla, per aiutare negozianti e cittadini della zona nelle complesse operazione di sgombero. Intorno alle 14.30, il gruppo di ultras ha ‘intercettato’ su un monitor di una televisione le immagini di un dibattito al quale prendeva parte il sindaco di Genova, Marta Vincenzi. A quel punto sono partite dal folto gruppo di tifosi insulti all’ indirizzo del primo cittadino e urla “vergogna”.

Gli ultras dell’Atalanta invece hanno lanciato una raccolta fondi. La Curva Nord e tutta la tifoseria nerazzurra ancora una volta non possono restare insensibili davanti alla sciagura che ha colpito Genova e le Cinque Terre” si legge in un volantino distribuito fuori dallo stadio prima di Atalanta-Cagliari. I tifosi, “in accordo con la curva di Genoa e Sampdoria, al di là delle rivalità” hanno già iniziato a raccogliere denaro davanti agli ingressi dell’impianto, invitando tutti a dare un contributo.

Alla vigilia della sfida contro il Brescia, anche il tecnico della Sampdoria, Gianluca Atzori, parla dell’alluvione che ha colpito Genova: “Prima di essere allenatore, sono un papà. Tutto il mio affetto va a chi in questa tragedia ha perso quanto di più caro esiste al mondo, i propri figli. Sono vicino – ha detto il tecnico blucerchiato – a coloro che hanno perso quello che di più caro può avere una persona: i propri figli”.