Cronaca

Alluvione Genova: sciacallaggio e furti nelle zone colpite

Genova. C’è un altro bilancio allarmante con cui fare i conti il giorno dopo, quello delle forze dell’ordine. Nonostante la terribile devastazione ieri, a Genova si sono verificati diversi fenomeni di sciacallaggio nelle zone colpite dall’alluvione.

Nel primo pomeriggio di ieri, quando la città era in ginocchio a causa dell’alluvione e molti quartieri isolati, tra il fango due loschi individui si aggiravano non per partecipare alla catena di solidarietà, ma per approfittare della confusione ed arraffare oggetti e cose lasciati momentaneamente incustoditi.

I due sciacalli, poco più che ventenni di origini tunisine, sono stati sorpresi dai cittadini mentre cercavano di scappare dal supermercato “Billa” di via Granello, angolo via XX Settembre, con merce di vario tipo, tra cui calze, schiuma da barba, una macchina fotografica digitale e dei rotoli di nastro adesivo. La coppia di extracomunitari è stata fermata ed arrestata dall’equipaggio di una volante in via Malta, grazie anche alle indicazioni fornite dalla cittadinanza indignata per l’episodio.

Anche i Carabinieri delle Stazioni di Genova Portoria e Marassi hanno arrestato per “furto aggravato” 7 persone, di cui 3 Romeni di 37, 32, e 29 anni, una giovane Moldava, senza fissa dimora, sorpresi in via XX Settembre, all’interno di una profumeria, mentre portavano via vari prodotti di cosmetica.

Tre Ecuadoriani di 40, 36 e 33 anni, tutti residenti in via Monticelli, sono stati sorpresi in Corso Sardegna in possesso di merce varia rubata poco prima.
Denunciati anche due minorenni ecuadoriani, sorpresi a prendere materiale di cancelleria da un negozio di Corso Sardegna. Tutta la refurtiva recuperata è stata posta sotto sequestro.
Tuttora, allo scopo di prevenire ulteriori episodi spiacevoli, continuano i servizi antisciacallaggio nelle zone colpite dal disastro.

Diversi anche gli episodi di furto nei quartieri colpiti: due interventi a Marassi, dove altrettanti appartamenti in via Giglioli sono stati visitati dai ladri tra le 19,30 e le 20,30, per un bottino complessivo di circa 3000 euro.
Sempre ieri una volante della Questura è intervenuta in via Sturla alle 21,30, dove i ladri approfittando di un guasto elettrico della serranda lasciata semi aperta, sono entrati rubando diversi capi di abbigliamento.
Un bar di via San Luca ha subito un furto. I poliziotti di una volante hanno constatato che i ladri hanno tagliato la catena della serranda ed infranto il vetro dell’ingresso. Da quantificare l’eventuale ammanco.