Cronaca

Alluvione Genova, nuove contestazioni a Vincenzi: “Si deve alzare dalla sedia e dimettersi”

Genova. “La signora Vincenzi dovrebbe conoscere il significato della parola rimorso. Questo implica una assunzione di colpa e, quando ci si assume una colpa, ci si deve alzare dalla sedia e dimettersi”. Una nuova contestazione ha investito in diretta dai microfoni di Pomeriggio Cinque, la sindaco Marta Vincenzi, dopo il duro sfogo dei cittadini di via Fereggiano che sabato, il giorno dopola tragedia, ne avevano chiesto le dimissioni al grido “vergogna, vergogna”.

Le telecamere di Mediaset hanno raccolto anche una dichiarazione di Marta Vincenzi sul rischio idrogeologico nel quartiere di Borgo Incrociati. “Quando esonda il Bisagno – ha detto la sindaco – Borgo Incrociati va sotto. O si mettono ai piani terra cose che si sa che quando esonda si buttano via, far tenere lì la gente che fa attività commerciali e poi perde tutto non è più possibile. Allora – ha concluso – bisogna chiudere i piani terra”.

Dichiarazioni “che si commentano da sole”, ha replicato un cittadino. “Come vede – ha concluso – non la chiamo ‘mio sindaco’, perché non la riconosco più come tale”.