Alluvione, Berlangieri: “A Genova tutto è accessibile e fruibile, lavoreremo su recupero immagine”

Regione. “Ci aspettiamo che una buona normativa faccia luce sul sistema di organizzazione turistica a livello nazionale e regionale”. E’ la richiesta prioritaria dell’assessore regionale Angelo Berlangieri al neo ministro Piero Gnudi. “Lo conosco di fama e mi auguro che la competenza tecnica che ha acquisito sia proficua per il settore di cui ci occupiamo, perché è necessario un intervento per fare chiarezza, a partire dal federalismo che non contempla turismo e cultura. Non ha senso che sino ad ora non si preveda una strumentazione fiscale federale per sostenere un comparto, quello turistico, che produce lavoro e ricchezza”.

“Aspettiamo questi giorni per vedere il nuovo ministro all’opera” commenta Berlangieri, allargando il discorso in generale all’esecutivo di Monti. Per la Liguria, in particolare, si pone anche un problema di recupero di immagine dopo i funesti eventi alluvionali che hanno flagellato l’estremo levante e Genova. “Le immagini dei tragici fatti del maltempo hanno fatto il giro dei media, nazionali ed internazionali. Una campagna promozionale sosterrà il rilancio d’immagine delle Cinque Terre. Per quanto riguarda Genova, invece, tutto è accessibile e fruibile”.

“Certamente la realtà di quanto accaduto è rimbalzata dappertutto nei mezzi di informazione, con la conseguenza che si sono registrate disdette e rinunce in ambito turistico-ricettivo. Ma ogni risorsa della città è visitabile, così come ogni albergo è perfettamente accessibile. Occorre lavorare sul recupero d’immagine e continueremo sull’azione di promozione straordinaria delle zone alluvionate” conclude l’assessore Berlangieri.