Teatro della Tosse: da Shakespeare in pillole al Burlesque, le cento serate de La Claque

elisa d'andrea la claque teatro tosse

Genova. La Claque in Agorà, è la terza sala del Teatro della Tosse, ma anche uno spazio eterogeneo dove ospitare diversi tipi di spettacolo. “Dalla musica, al teatro, al cabaret – spiega Elisa D’Andrea – presentiamo anche quest’anno, dal giovedì al sabato, una stagione molto ricca”. In quattro anni di attività la crescita è stata esponenziale, con l’aumento del pubblico in sala e dell’offerta.

“Siamo partiti da 15 titoli per arrivare a quasi cento serate di programmazione – sottolinea D’Andrea – è un posto molto particolare, si adatta a tanti tipi di realtà”. Dagli artisti affermati alle realtà emergenti, caratteristica peculiare della programmazione La Claque. “Quest’anno abbiamo pensato anche a nuove proposte, come le mostre nel foyer, un modo nuovo per dare spazio all’arte”.

Tra le novità gli aperitivi al venerdì con Alessandro Barbini, e il suo spettacolo “folle, su di sé, con i cartonati” e Susanna Gozzetti che “racconterà Shakespeare in pillole, come farebbe una ragazza tirandolo fuori dalla borsetta”. Nella programmazione della seconda serata si trova di tutto: dal jazz, all’underground, uno spettacolo sui tagli alla cultura con un cast d’eccezione, passando naturalmente per il teatro e il varietà. Per il terzo anno ritorna, dopo il tutto esaurito delle passate edizioni, il cabart Burlesque. “Difficile riassumere la stagione della Tosse in due parole”, non resta che andare a guardare.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.