Quantcast
Sport

Sampdoria, Atzori non si tocca: arrivano le rassicurazioni di Sensibile

Genova. Si va avanti con Atzori, senza se e senza ma. I tifosi che storcono il naso e già pretendono un cambio di rotta si rassegnino, la Samp non ha assolutamente intenzione di sostituire l’allenatore. La sconfitta casalinga con il Torino e lo scialbo pareggio di Verona non hanno messo in discussione l’operato del tecnico proveniente dalla Reggia.

Giocatori e società credono in lui. Dopo aver incassato la fiducia della squadra (il momentaneo 1-0 del Bentegodi è stato festeggiato da Pozzi e compagni con una folle corsa nei pressi della panchina blucerchiata) ecco le rassicurazioni societarie. Il direttore sportivo Sensibile, su tuttomercatoweb.com, ha messo a tacere tutte le voci su un possibile esonero di Atzori. “Non capisco perché si parli di Iachini alla Samp, ieri l’ho incontrato a Verona e ci siamo semplicemente salutati con affetto. Lo conosco da quando era al fianco di mio padre. Nè per lui, nè per nessun altro allenatore, ci sarà mai una telefonata da Genova, noi siamo sereni e tranquilli così”.

Atzori ringrazia e continua a lavorare nella massima serenità: “Una partita persa non è sufficiente per mettere in discussione un tecnico. Da quando alleno la Sampdoria non mi sono mai sentito sotto esame. Lavorando tutti insieme superermo le difficoltà e sbugiarderemo chi rema contro di noi. Con i miei giocatori ho un ottimo rapporto, con loro vado d’accordo. Di volta in volta metto in campo chi nel corso degli allenamenti settimanali si è espresso con maggior continuità. Questo a loro fa evidentemente piacere. Parlare di esonero mi sembra ridicolo, è assurdo”.

Grinta e carattere ad Atzori non mancano. Adesso però bisogna cominciare a fare sul serio. Tredici punti in classifica dopo 8 gare disputate sono un magro bottino per una squadra che ha posto la serie A come obiettivo minimo stagionale. Domenica al Ferraris con il Sassuolo l’esame di riparazione. Serve un successo per riveder sorridere i tifosi blucerchiati.