Quantcast
Sport

Sampdoria, Atzori: “Critiche servano da stimolo per andare avanti”

Genova. “Quando una squadra come la Samp perde in casa è normale che piovano delle critiche”. Mister Atzori non fa drammi ma certo il ko con il Torino ha lasciato l’amaro in bocca: “Per cultura una sconfitta viene sempre mal digerita. Chiunque è libero di dire la propria; dal punto di vista personale mi assumo le responsabilità di quanto successo ma non mi faccio condizionare, vado avanti per la mia strada. Le critiche ci devono servire da stimolo. I 5 punti di svantaggio dalla vetta non mi preoccupano. Siamo solo a inizio stagione, non sono niente. Abbiamo tutto il tempo per recuperare. Guardare la classifica alla settima giornata non ha senso, conta solo la posizione che occuperemo alla fine del torneo. Affrontiamo un campionato difficile e sono sicuro che anche i nostri avversari incapperanno in momenti di difficoltà”.

Domani si torna in campo. La Samp giocherà al Bentegodi contro il Verona: “Quando i gialloblù giocano in casa si trasformano, vengono letteralmente trascinati dal pubblico ”- ha continuato Atzori- “Sono in gran condizione è là davanti hanno attaccanti che possono far male a chiunque. Non sarà facile, in serie B non lo è mai. Spero che la squadra possa ripetere la prestazione fatta contro il Torino, di quella sfida butto solo il risultato”.

In formazione si preannunciano grosse novità. “Contro i granata i ragazzi hanno speso moltissimo e non posso non tenerne conto. Qualcuno dovrà tirare il fiato ma certo non posso stravolgere la squadra, ci saranno giusto 3 o 4 novità. Ho una rosa composta da grandi campioni ed è giusto dare spazio a chi fino a questo momento ne ha avuto poco, chi scenderà in campo avrà l’occasione di dimostrare di essere un giocatore da Sampdoria. Ho tanti elementi di qualità, è giusto che attinga a piene mani dalla rosa che ho a disposizione. Palombo non sarà del match, oggi non si è allenato; spero di riaverlo per la partita col Sassuolo di domenica. Gastaldello è uno di quelli che ritroverà una maglia da titolare. Ci saranno delle variazioni anche in attacco ma le comunicherò solo a poche ore di distanza dal calcio d’inizio. A seconda del risultato finale avrò fatto la cosa giusta o quella sbagliata, è la legge del calcio”.

Più informazioni