Cronaca

Salone Nautico, protesta sindacati polizia: “Basta tagli, organici ridotti all’osso”

Genova. Hanno accoltellato la polizia di Stato. Le sagome dei poliziotti “colpiti” dai tagli delle diverse finanziarie, colorano la nuova protesta del sindacato di polizia Coisp che si sta svolgendo davanti all’ingresso della Fiera di Genova in concomitanza con l’inaugurazione del 51° Salone Nautico Internazionale.

“Il governo – spiega Matteo Bianchi, segretario provinciale Coisp – al contrario di quanto proclamato in campagna elettorale su quanto riguardo avrebbe avuro per la sicurezza, sta continuando ad effettuare tagli su tagli in maniera lineare, che poi vanno a incidere su mezzi, benzina, e risorse umane. E’ un momento di grave difficoltà della polizia di Stato, ma non solo, di tutte le forze dell’ordine e dell’intero comparto sicurezza”.

Una situazione che si protrae da tanto, con forme di protesta iniziate già da tempo. “Le emergenze che stiamo vivendo nell’ultimo perido su Genova con le bande latinos, i disagi nel centro storico, e l’aumentare di furti e rapine confermano quello che da anni andiamo ripetendo: se non si investe sulla sicurezza, la situazione peggiorerà sempre di più – conclude Bianchi – e ci saranno sempre meno persone, mezzi e uomini su strada”.

Anche il Silp Cgil sta effettuando un volantinaggio all’entrata del Nautico. “Gli organici sono ridotti al lumicino – spiega il segretario Roberto Traverso – oberati dal massiccio e sproporzionato impiego in ordine pubblico a causa di uno Stadio inagibile! La Squadra Volante riesce a garantire nemmeno il 25% dei servizi messi in campo 20 anni fa! Si sopperisce alla mancanza di prevenzione investigativa sul territorio con servizi tampone come i mediatici “pattuglioni” e gli inadeguati servizi anti predatori per non parlare delle difficoltà operative riscontrate durante i servizi misti con gli Alpini i quali com’è noto non svolgono funzioni di Agenti e/o Ufficiali di P.G.

Il 6° Reparto Mobile di Bolzaneto è costretto a turni massacranti a causa della carenza di organico e gli operatori non possono nemmeno usufruire della mensa di servizio, chiusa per mancanza d’igiene. Mancano auto e moto mezzi, quelli chea disposizione sono vetusti ed insicuri come Squadra Volante – “Arieti”- “Argo” – “Roma” – Servizio Scorte- Accompagnamento Collaboratori di Giustizia.

Auspichiamo che il nuovo Questore possa sostenere, con adeguata autorevolezza, le priorità da affrontare. Prima su tutte – conclude Traverso – l’effettivo e definitivo recupero del rapporto con la Procura della Repubblica, alla luce del buon esito delle manifestazioni relative all’imminente ricorrenza del decennale del G8 di Genova.”.