Quantcast
Sport

Rugby serie A, la Pro Recco cala il tris: battuta l’Accademia Federale di Tirrenia

rugby

La terza vittoria consecutiva su quattro partite disputate, la prima con il bonus e contro un avversario di prestigio, fa volare la Pro Recco Rugby al terzo posto in classifica, a cinque punti dalla capolista Fiamme Oro e ad un solo punto dai Lyons Piacenza, ai quali gli Squali faranno visita proprio domenica prossima.

La partita era molto attesa e temuta da coach Ceppolino e dai suoi ragazzi: la squadra dell’Accademia Federale di Tirrenia è infatti formata dai migliori giovani talenti U20 del nostro rugby, che sono estremamente dotati fisicamente e sono quotidianamente seguiti da tecnici federali. I giovanissimi (quasi tutti classe 1993) accademici si sono rivelati avversari di grande spessore fisico ed atletico, velocissimi e dalle indubbie qualità tecniche individuali, però la loro giovanissima età si è fatta sentire in mischia e nei momenti di difficoltà: il pack del Recco ha letteralmente dominato sia in mischia chiusa che in maul e, in generale, i padroni di casa hanno saputo gestire meglio dal punto di vista mentale le diverse fasi dell’incontro.

Coach Ceppolino si è detto molto soddisfatto della prova dei suoi ragazzi, che hanno giocato la partita  proprio com’era stata preparata durante la settimana: la forza della mischia è stata posta in primo piano e sfruttata sia come punto di partenza per le azioni d’attacco che come efficace metodo per tagliare fonti di gioco ai forti trequarti dell’Accademia; la difesa ha funzionato benissimo ed ha contenuto efficacemente le velocissime giocate avversarie, concedendo una sola meta; la touche, dopo le difficoltà delle partite precedenti, ha funzionato bene; e i trequarti hanno giocato in ottima sinergia con il pack, dando al gioco un’efficacissima completezza. Gli unici momenti di difficoltà per gli Squali sono stati i primissimi minuti di gioco, quando è arrivata la meta dell’Accademia, e la fase finale del primo tempo, quando tre calci di seguito concessi agli avversari hanno permesso ai ragazzi di De Carli e De Marigny di rimontare nove punti in un lampo.

Il primo tempo è stato molto combattuto: alla meta del velocissimo estremo Odiete (4’ minuto) risponde solo quattro minuti dopo Agniel con un calcio di punizione (per lui oggi 6/7 dalla piazzola, con quindici punti), al 21’ Tonini concretizza una bella rolling maul e, quattro minuti dopo, l’estremo Del Ry, fresco di raduno con la nazionale U20, segna una bella meta su uno spunto al piede di Agniel, che la trasforma anche, per il 18-5. Qui però inizia il momentaneo blackout degli Squali, che faticano, commettono troppi falli e permettono al numero dieci dell’Accademia di mettere a segno nove punti nel giro di pochi minuti e di chiudere il parziale sul 18-14.
Nel secondo tempo però la maggior esperienza dei ragazzi di Ceppolino si fa sentire e i giovanissimi avversari, dominati in mischia e fermati efficacemente da una difesa che gli ha ormai preso le misure, non riescono a mettere a segno nessun altro punto. Per il Recco arrivano così altri tre punti dal piede di Agniel e poi le due mete che assicurano un bellissimo e meritatissimo punto di bonus: al 12’ tocca ad Orlandi andare in meta e, a due minuti dal termine dell’incontro, è capitan Salsi a portare fino in fondo un’altra travolgente rolling maul. Agniel trasforma entrambe le segnature e il punteggio finale è così un perentorio 38-14, tra gli applausi del folto pubblico del Carlo Androne, entusiasta della bella partita e della vittoria dei suoi beniamini.

Grazie a questi cinque punti e ai risultati concomitanti, gli Squali possono oggi festeggiare un bellissimo terzo posto ed avere la prospettiva di andare a giocare a Piacenza tra sette giorni per un potenziale secondo posto in classifica: i Lyons sono infatti secondi in classifica, con un solo punto di vantaggio sulla Pro Recco. In vetta ci sono i poliziotti delle Fiamme Oro, ancora imbattuti, che hanno cinque punti di vantaggio sugli Squali e quattro sui Lyons.

Tabellino:

PRO RECCO: Del Ry, Tassara, Bisso, Breda (76′ Zanzotto) Becerra, Agniel, Villagra, Salsi (78′ Giorgi), Orlandi, Tonini, Bonfrate, Metaliaj (76′ Vallarino), Borboni (53′ Sciacchitano), Noto (74′ Hobbs), Casareto (78′ Galli).
A disp: Sciacchitano, Hobbs, Vallarino, Giorgi, Esposito, Zanzotto, Cinquemani, Galli
All. Ceppolino

ACCADEMIA: Odiete, Esposito, Boni, Campagnaro, Sarto, Della Rossa, Padovani (Marinaro), Dionisi, Mhadhbi, Salvetti, Bellucci, Berton, Scarsini (Biancotti), Moriconi (Manghi), Drissi (67′ Zanusso).
A disp.: Manghi, Zanusso, Biancotti, Riedo, Conti, Marinaro, Fontanesi, Crestini
All. De Carli.

Marcatori:
pt: 4′ meta Odiete (0-5), 8′ cp Agniel (3-5), 12′ cp Agniel (6-5), 21′ meta Tonini (11-5), 25′ meta Del Ry, tr Agniel (18-5), 34′ cp Della Rossa (18-8), 37′ cp Della Rossa (18-11), 41′ cp Della Rossa (18-14)
St: 19′ cp Agniel (21-14), 12′ meta Orlandi, tr Agniel (28-14), 16′ cp Agniel (31-14), 38′ meta Salsi, tr Agniel (38-14).

Arbitro: Mitrea di Treviso

Cartellini: 19′ pt Berton, 43′ pt Noto

Punti conquistati: Recco 5 – Accademia 0.

Classifica:
Fiamme Oro Roma punti 18; Banca Farnese Lyons Piacenza 14; Pro Recco punti 13; Udine Rugby punti 12; Accademia Nazionale Tirrenia punti 11; M-Three Amatori San Donà, Donelli Modena e Rugby Firenze punti 10; Banco di Brescia, Cus Verona punti 7; Grande Rugby Milano punti 6; Livorno Rugby punti 1.

Prossimo turno (domenica)
Rugby Lyons Piacenza – Pro Recco; Udine Rugby – Rugby Livorno; Amatori San Donà – Rugby Brescia; Rugby Grande Milano – Modena Rugby; Accademia Nazionale Tirrenia – Fiamme Oro Roma; Firenze Rugby 1931 – Cus Verona.