Politica

Primarie Genova, Radicali: “Il centrosinistra ha già scelto i competitori tra cui pescare il vincitore”

alessandro rosasco

Genova. Secondo i Radicali liguri, il centrosinistra ha già scelto i competitori tra cui pescare il vincitore quindi la consultazione per le Primarie non sarebbe per niente aperta. “Il regolamento non esiste ancora ma quello che emerge dalle riunioni dei vertici del centrosinistra genovese rende già l’idea del tipo di consultazione che si sta organizzando. In particolare è interessante quella norma che permetterà al Comitato promotore delle primarie di escludere eventuali candidature ‘palesemente provocatorie’. E’ evidente che la definizione di cosa sia provocatorio o meno è un fatto estremamente soggettivo, per cui appare scontato che dietro a questo codicillo ci sia la volontà di ammettere alla competizione solo personalità organiche agli apparati dei partiti e alle loro logiche”, dichiarano Alessandro Rosasco del Comitato nazionale di Radicali Italiani e Susanna Mazzucchelli del Comitato nazionale di Radicali Italiani e Segretaria dell’Associazione “Radicali Genova”

“Quali sono i requisiti per non essere considerati dei provocatori? Non sicuramente quello di essere militanti del centrodestra visto che per questa eventualità hanno già previsto una norma ad hoc. Forse il centrosinistra genovese ha paura di qualcuno o dell’ignoto, ma allora perché ricorrere alle primarie che, dove vengono fatte seriamente, sono veramente aperte a tutti? – concludono – Ci permettiamo una domanda: se a questa consultazione volesse partecipare un liberale, un democratico, un federalista europeo, insomma un Radicale sarebbe considerato un provocatore?”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.