Sport

Pallanuoto, Bogliasco-Camogli: derby combattuto, finisce 8-8

Bogliasco. La Rari Nantes Bogliasco gioca la prima partita del Campionato nella sua vasca che proprio oggi, al termine, sarà intitolata alla memoria di Gianni Vassallo.

Presente il pubblico delle grandi occasioni e la grande pallanuoto mondiale: Lonzi presidente della Commissione Tecnica Fina e vice presidente Commissione Tecnica Len, Toygarly presidente della Commissione Tecnica Len, Birri segretario settore pallanuoto Len, Ravina vice presidente Nazionale Fin, Petronill presidente del Gug Nazionale, Ottonello presidente del Coni regionale, Pastorino Sindaco di Bogliasco, Castagnola sindaco di Sori.
Entrambe le formazioni prive di due rispettivi centroboa, Barillari e Nikic, squalificati. “Noi vogliamo questa vittoria” è l’urlo degli Irriducibili che tra i tanti espongono anche uno striscione di solidarietà alle vittime dell’alluvione, presenti come sempre ed a maggior ragione. Ad arbitrare la coppia Ceccarelli-Caputi, quest’ultimo designato a rappresentare l’Italia alle prossime Olimpiadi di Londra.

Partiti. Prima superiorità per il Camogli, mezza rovesciata di Sadovy, Mina c’è. Si nuota e si lotta fino a 4 minuti quando Deserti conquista un rigore, Nossek dal dischetto, para Ferrari e sulla ribattuta ancora Nossek 1-0. Grande anticipo di Vergano su Sadovy, parte la controfuga ed è ancora il giovane talento bogliaschino a prendere l’iniziativa, raddoppio 2-0. Accorcia Astarita in superiorità 2-1.
Secondo tempo. Apre il Camogli con la rete da fuori, basso sotto le braccia di Luongo 2-2. Tornano in vantaggio i padroni di casa con la rete in superiorità di Alessandro Caliogna. Risponde Sadovy a uomo in più e con la rete di Morena in rovesciata il Camogli passa in temporaneo vantaggio. Davvero temporaneo perché ci pensa Nossek 4-4.

Cambio campo. Rigore a favore del Bogliasco trasformato da Camilleri 5-4. Ancora lotta a tutto campo, la rete di Alessandro Caliogna 6-4, la risposta di Valentino su rigore 6-5. Chiude il gol di Astarita ed è parità 6-6.

Quarto tempo. La rete di Nossek, controfuga e colomba crudele 7-6. Ultima frazione durissima con i giocatori, da entrambe le parti che hanno davvero speso molto. Protagonisti di questo finale sicuramente i portieri con Mina determinante. A 42 secondi espulsione per il Camogli con Camilleri che subisce anche un colpo ma va nel pozzetto, rete del pareggio di Luongo. Mancano sei secondi e capitan Deserti la butta dentro 8-7, sembra fatta invece a quattro secondi dal termine fallo di Alessandro Caliogna che inavvertitamente allontana il pallone è espulsione, Valentino ci crede e sigla la rete del pareggio definitivo 8-8.

“E’ difficile quando si subisce gol sulla sirena commentare a caldo – ha commentato Claudio Gavazzi presidente Rari Nantes Bogliasco – Una bella partita, un vero derby, colpo su colpo, c’è tanta amarezza perché pareggiare sulla sirena, appunto, dopo tutta la fatica fatta, lascia senza parole. Le partite sono fatte di episodi favorevoli e sfavoreli, abbiamo un credito, speriamo di giocarcela alla prossima. E’ vero c’erano i massimi vertici della pallanuoto mondiale, spero che tornino a casa con un buon ricordo”.

Finisce 8-8 una partita che, dall’andata dello scorso campionato, nessuna delle due squadre riesce a far propria. Forse, però, oggi è il Camogli ad aggiudicarsi il punto più pesante. Quello stesso punto che, contro il Savona, era sfuggito a 8” dalla fine, oggi arriva sullo scadere. Più importante per l’umore che per la classifica, il pareggio in casa del Bogliasco si lascia dietro un gioco forse un po’ troppo pesante. Il Camogli non gioca male e, nonostante sia costretto ad inseguire, non perde di concentrazione. E, questa volta, sono i bianconeri a ribaltare il risultato di un derby che mister Nikolic commenta come: “Una bella partita, anche se dura e difficile”
“Ci meritavamo questo punto, complimenti al Bogliasco che ha disputato un’ottima partita., ma anche noi siamo in ripresa – Stefano Luongo R.N. Camogli – Li ho visti forti ed uniti, coperti in tutti i ruoli, forse oggi è mancato il secondo centro squalificato, comunque una squadra di ottimo livello”.