Quantcast
Cronaca

Genova, costrinse la compagna a prostituirsi: condannato a cinque anni di carcere

Genova. Quattro anni per sfruttamento della prostituzione, un anno per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e rapina. E’ quanto dovrà scontare l’ivoriano di 33 anni arrestato dai carabinieri nel novembre 2010, accusato di aver segregato la convivente, una genovese di 34 anni, in un’abitazione del centro storico costringendola a prostituirsi.

La donna riferì ai militari che il convivente la teneva chiusa in casa con il lucchetto alla porta e la costringeva a prostituirsi. Inoltre, sempre secondo il suo racconto, affermò che il 33enne si era impadronito dell’eredità della madre per acquistare droga.

L’uomo é stato assolto dall’accusa di sequestro di persona. Per quanto riguarda la rapina, i giudici hanno ritenuto che si tratti di furto e, per quel reato, subirà un altro processo. Il pm Stefano Puppo aveva chiesto sette anni e mezzo di reclusione.