Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Forze dell’ordine, domani sit-in: “Chiederemo ai genovesi un contributo per la benzina”

Genova. Anche il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, il primo e più rappresentativo di Categoria, parteciperà alla giornata di protesta indetta domani 18 ottobre 2011 dai principali Sindacati del Comparto Sicurezza nelle principali città italiane, tra le quali Genova in cui si terrà un sit-in in mattinata davanti alla Prefettura. Ad annunciarlo è Roberto Martinelli, segretario generale aggiunto del Sappe.

“Nessun sistema può funzionare, e ancora meglio perfezionarsi, se gli mancano le risorse necessarie affinché ciò sia possibile. I tagli operati negli ultimi dieci anni al Comparto Sicurezza hanno indebolito la funzione e l’azione di polizia, andando ad intaccare l’operatività e in particolare quei servizi che sono di diretta fruibilità da parte dei cittadini. Quelli operati nell’ultimo triennio hanno messo a serio rischio il funzionamento stesso di quello che abbiamo costruito negli ultimi anni; perché tagliare i fondi ai capitoli di funzionamento significa, oltre al mancato riconoscimento degli incrementi salariali, soprattutto la limitazione dell’operatività anche di tutti quelli che “sopravvivono”. E’ ad esempio notizia di queste ore che in Puglia ed in Toscana sono terminati i soldi per rifornire di carburante i mezzi della Polizia Penitenziaria addetti al trasporto dei detenuti. Eppure la manovra economica recentemente varata dal Governo contiene ulteriori penalizzazioni per il Personale del Corpo e l’Amministrazione tutta, a cominciare dall’ulteriore taglio lineare del 10% delle dotazioni di bilancio delle Amministrazioni. Appena tre giorni fa l’Esecutivo ha tagliato altri 60 milioni di euro, nell’ambito del ddl stabilita’, alle voci di bilancio destinate all’ordine pubblico e alle missioni Quale sicurezza si può fare senza investimenti? ”

Gli appartenenti ai maggiori sindacati della polizia di stato (Siulp, Sap, Ugl e Consap), della Polizia penitenziaria (Sappe, Uilpe, Fns Cisl e Ugl), del corpo forestale dello Stato (Sapaf, Ugl, Fesifo, Fns Cisl e Uil) e dei vigili del fuoco (Fns Cis, Uil VVFF, Conapo e Ugl VVFF) sensibilizzeranno i genovesi sulle carenze relative agli automezzi delle forze dell’ordine. Non solo. Ai cittadini verrà chiesto di dare un contributo, anche piccolo, per comprare carburante necessario alle volanti e agli automezzi. Non verranno materialmente raccolti soldi, ma a tutti coloro che vorranno contribuire sarà consegnata una sorta di obbligazione con gli estremi del fondo assistenza del dipartimento di pubblica sicurezza dove versare la somma che si ritiene opportuna. Ai cittadini sarà una consegnato un facsimile di cedola con scritto: “Obbligazione per avere maggiore sicurezza, legalità e sviluppo”.