Cronaca

Fincantieri, Guccinelli e Vesco: “Tutti uniti per garantire continuità al cantiere”

guccinelli

Genova. Le istituzioni comunali, provinciali e regionali sono al fianco dei lavoratori di Fincantieri, che anche oggi stanno manifestando per ottenere risposte dal Governo e certezze sul futuro.

“E’ giusto che le istituzioni si schierino con i lavoratori perché questa incertezza e questo rischio, per quanto riguarda in modo particolare il cantiere di Sestri Ponente, è qualche cosa che non può durare, che va bloccato – dichiara l’assessore regionale alle Attività Produttive, Renzo Guccinelli – Occorre avere risposte in tempi rapidi e avere certezze per il ribaltamento a mare. Il ministro Matteoli l’altro giorno al Salone Nautico ha ribadito che il decreto è alla firma di Tremonti e quindi qualche preoccupazione viene ed è lecita. Quei soldi occorrono, sono indispensabili perché si deve fare il ribaltamento, ma occorre nel contempo garantire un numero necessario di commesse che consentano di non sospendere l’attività durante la realizzazione del ribaltamento. Il nostro obiettivo è quello di salvare Sestri Ponente e di portare in fondo un accordo militare per i cantieri di Riva e Muggiano”.

Chiaro e conciso il commento dell’assessore regionale ai Trasporti, Enrico Vesco: “Dobbiamo essere tutti uniti e ottenere risposte soprattutto dell’azienda e dal Governo – dichiara – quello della nautica è un mercato in difficoltà, ma comunque ha buoni margini di ripresa, quindi bisogna dare continuità al cantiere. E’ paradossale che per tutelare sorte di uno stabilimento debbano essere gli operai a protestare e pagare di tasca propria”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.