Crisi demografica, -8,3% di abitanti in Liguria dal 1985 al 2011

De Ferrari

Genova. Continua la crisi demografica in Liguria. Secondo i dati lanciati stamattina a Genova dalla Cgil nel seminario “La Liguria e il Nord: economia, società, rappresentanza” sono diminuiti di 146.533 unità gli abitanti della Liguria dal 1985 al 2011. Secondo i dati della Cgil, dal 1985 al 2011 i liguri sono passati da 1.762.519 a 1.615.986, con una riduzione dell’8,3%.

A calare sono stati soprattutto gli abitanti di Genova (-12,9%), seguiti da La Spezia (-5,4%) e Savona (-1,8%). In controtendenza soltanto Imperia (+1,2%). Il tasso naturale di crescita segna un meno 5,9%, mentre il flusso migratorio aumenta del 6,5%. L’indice di vecchia è quasi il doppio rispetto alle altre regioni italiane. In Liguria, infatti, l’11.4% della popolazione ha un età tra 0 e 14 anni, il 61.8% tra 15 e 64 anni, il 26.8% è over 65, il 6.8% è over 80.

Il rischio “recessione demografica” in Liguria secondo i dati Cgil è “altissimo” a fronte del “progressivo restringimento della popolazione in età lavorativa e dell’aumento delle non forze lavoro”.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.