Quantcast

Columbus Day, Genova torna indietro nel tempo: corteo storico e animazione per celebrare Colombo

Genova. Oggi Genova celebra Cristoforo Colombo “il primo di un’orgogliosa tradizione di italiani ad attraversare l’Atlantico per raggiungere le nostre coste” come definito ieri dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama.

E in nome di Cristoforo Colombo, per un giorno il capoluogo ligure è tornato a vivere scampoli di XV secolo. Alle 15 al Chiostro di San Andrea è stata deposta una corona, e uno studente del Nautico San Giorgio ha letto l’atto notarile con il quale il 18 gennaio del 1455 Domenico Colombo, padre di Cristoforo, acquistava una casa e una bottega in uno dei vicoli.

Le celebrazioni per il Columbus Day 2011, hanno avuto inizio oggi ma proseguiranno con diverse manifestazioni previste per l’anniversario del 12 ottobre 1492. Tra le iniziative in programma, un corteo storico itinerante con animazioni tra i chiostri, le piazze e i vicoli per incontrare la Genova della seconda metà del Quattrocento, quella del giovane Cristoforo Colombo.

L’iniziativa è organizzata da Comitato Nazionale per Colombo con la collaborazione e partecipazione di decine di realtà che coinvolgono italiani all’estero, comunità di migranti latinoamericani che compongono circa il 5% della popolazione genovese, compagnie di rievocazione storica, associazioni culturali, attori, musicisti, e con il patrocinio di Regione Liguria, Provincia e Comune di Genova.

Il corteo parte da Piazza Dante, Chiostro di sant’Andrea e percorrerà via Dante, via XX Settembre, P.zza De Ferrari, Piazza Matteotti, Salita Arcivescovado, P.zza San Matteo toccando i luoghi cult della vita di Cristoforo Colombo. Durante il corteo e le soste verrà data vita a scene teatrali animate da Compagnie di rievocazione storiche, sbandieratori, attori e danzatori di balli tradizionali e del passato.

La corale della cura pastorale per i latinoamericani di santa caterina Fieschi chiuderà la manifestazione intonando il Salve Regina, inno che gli equipaggi di C.C. cantavano la sera al calar del sole ed al momento del sorger dalle acque del nuovo mondo all’alba del 12 ottobre 1492.
La parte finale prevede il torneo di tiro alla fune in omaggio alla gente di mare imbarcata sulle navi Nina, Pinta e Santa Maria, che scoprirono il Nuovo Continente. Gli attori del Circolo Culturale San Fruttuoso reciteranno “L’ammutinamento” scritto da Bruno Aloi con Daniele Pellegrino nelle parti del grande navigatore che interpreta da molte edizioni.

Più informazioni