Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cgil in piazza, Bosco: “A rischio migliaia di posti di lavoro”

Genova. Mentre a Roma si sta svolgendo la grande manifestazione della Fiom, la Cgil ligure ha organizzato un presidio in piazza Caricamento per protestare contro la manovra del governo, che secondo una prima stima effettuata dal sindacato sta “uccidendo” il lavoro in Liguria e aumentando la disoccupazione.

“Purtroppo sta succedendo tutto ciò che avevamo annunciato perché le misure messe in atto dal governo si fanno sentire e si pagano sulla pelle dei cittadini e dei lavoratori in particolare – spiega Ivano Bosco, segretario generale della Camera del Lavoro di Genova – ciò che influisce notevolmente sulla situazione ligure sono i tagli dei trasferimenti agli enti locali, che automaticamente si traducono in meno servizi per la popolazione, basti pensare al trasporto pubblico locale, alla sanità, alle scuole, all’industria e alle difficoltà in cui vertono le cooperative genovesi, il cosiddetto terzo settore.Parliamo di centinaia di posti di lavoro a rischio”.

Secondo la Cgil, infatti, i dati sono più che allarmanti: tagliati 320 insegnanti, 118 collaboratori scolastici, 100 vigili del fuoco, su 4.063 stage solo 40 sono stati trasformati in contratti di lavoro; inoltre sono stati tagliati più di 50 milioni di euro al Comune di Genova, 70 milioni di euro in meno nel 2011 e 50 milioni di euro nel 2012 al Servizio Sanitario, sono stati dimezzati gli investimenti sul trasporto pubblico, e giacciono presso l’Inps 20.000 domande d’invalidità civile.

Per tutte queste ragioni continuano le azioni di mobilitazione della Cgil. “Il 28 novembre avremo la grande manifestazione pensionati a Roma, poi il 3 dicembre scenderemo di nuovo in piazza in difesa del lavoro; la vera emergenza del periodo”, conclude Bosco.