Politica

Caso Galliera, Pellerano: “Un pasticcio della sinistra genovese”

pellerano

Lorenzo Pellerano, consigliere regionale della Lista Biasotti, interviene sulla decisione da parte della Regione di dirottare gli investimenti per la costruzione del nuovo Galliera sull’ospedale del Ponente a Villa Bombrini.

“La proposta, presentata ieri con un odg in consiglio regionale e approvata con i voti della maggioranza e della Lega Nord, parte da un presupposto sbagliato: non tiene conto, infatti, che nel Piano urbanistico comunale, in fase di discussione, l’area di Villa Bombrini dove dovrebbe sorgere il nuovo ospedale del Ponente, è destinata ad attività produttive e industriali. Mi pare che la maggioranza che governa in Regione e anche in Comune si contraddica nel solo tentativo di non assumersi le proprie responsabilità politiche in un continuo fare e disfare delle decisioni prese nell’arco degli ultimi anni”. Pellerano contesta, inoltre, le modalità con cui è stata presa questa decisione. “Il tema, per la propria importanza, meritava una discussione approfondita in una seduta tematica ad hoc”. Poi Pellerano aggiunge: “Purtroppo, anche sul progetto Galliera questa amministrazione ha assunto un comportamento che ha come effetto di scoraggiare gli investimenti da parte dei privati sul territorio genovese. Negli ultimi dieci anni, non si contano quanti provvedimenti, annunci e conferenze stampa siano stati fatti dalla Regione sul nuovo Galliera, con conseguente impiego di tempo e denaro, per poi arrivare a oggi e sentirci dire che tutto è ancora una volta messo in discussione”.

Pellerano fa poi una considerazione sull’offerta sanitaria e ospedaliera per il centro di Genova. “In pochi anni abbiamo assistito al trasferimento dell’attività ospedaliera da Manin a Voltri, alla chiusura del Palazzo della Salute di Pammatone e, a breve, di quello di via Assarotti. L’ultimo baluardo a garanzia della salute dei cittadini del centro di Genova sembra rimanere proprio l’ospedale Galliera”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.