Quantcast
Cronaca

Bilancio Salone Nautico, Armella: “Cauto ottimismo, nonostante la crisi”

Genova. Una settimana fa, all’inaugurazione della 51 esima edizione, Sara Armella, presidente della Fiera di Genova, aveva parlato di “riscontri positivi” dando il via “a un grande Salone”. Oggi, nonostante l’assenza di numeri, arriva però una conferma: “Visti i dati di partenza, un calo del fatturato nautico del 45% negli ultimi tre anni, l’andamento negativo delle borse, la manovra economica, tutti fattori che deprimono la propensione all’acquisto, temevamo un Salone Nautico fortemente ridimensionato – ha detto Armella – C’era una seria preoccupazione. Ma possiamo oggi parlare di cauto ottimismo”.

Gli espositori, monitorati dai vertici della Fiera, hanno parlato di un primo fine settimana non esaltante, “complice anche – spiega Armella – un caldo fuori dal comune che ha visto in sofferenza anche altre strutture turistiche in città come l’Acquario e Palazzo Ducale”. Nel corso della settimana, tuttavia, si sono registrati “segnali di ripresa forti da parte di un pubblico qualificato”.

“All’apertura avevamo tali incertezze che temevamo di dover annunciare per l’anno prossimo un salone dimezzato e invece non è così” ha detto il presidente di ucina Confindustria Nautica, Anton Francesco Albertoni secondo cui, il primo bilancio, pur in assenza di dati confermerebbe il trend del mercato: faticano a uscire dalle secche le piccole aziende rivolte al mercato interno, mentre navigano in buone acque quelle che hanno potuto internazionalizzarsi e operano sui mercati emergenti.

“Su dieci prodotti venduti, otto sono stati venduti a clienti stranieri – ha sottolineato Albertoni – Le aziende sono moderatamente soddisfatte. Resta la distinzione fra aziende piccole, medie e grandi. Il fatto però che tutti i grandi gruppi abbiano puntato sulla presentazione di modelli appartenenti alla gamma di prodotto medio, cioè la fascia piu colpita, è un segnale significativo al quale i clienti hanno risposto positivamente. La gamma media è andata meglio delle aspettative, anche se resta comunque quella più in difficoltà”.

Grande successo invece per la prima edizione di “GenovaInBlu”, un programma di eventi “fuori salone” voluto fortemente dal presidente di Ucina con l’obiettivo di coinvolgere tutta la città nell’evento nautico. Risposta positiva anche a tutte le iniziative organizzate dentro il Salone per coinvolgere il pubblico, quali le prove in mare e i corsi gratuiti organizzati con la Federazione Italiana Vela. “Tutte iniziative che vanno riproposte – sottolinea Armella – Da Genova deve passare un’idea di fondo della nautica per tutti. Non deve essere solo una vetrina per un segmento di nicchia”.

Risposta positiva anche a tutte le iniziative organizzate dentro il Salone per coinvolgere il pubblico, quali le prove in mare e i corsi gratuiti organizzati con la Federazione Italiana Vela. “Tutte iniziative che vanno riproposte – sottolinea Armella – Da Genova deve passare un’idea di fondo della nautica per tutti. Non deve essere solo una vetrina per un segmento di nicchia”. E se uno degli obiettivi più volte dichiarati da Armella è di “aprire la Fiera alla città”, un dato in questo senso fa sperare: rispetto allo scorso anno,le presenze di bambini al sabato sono decuplicate.