Quantcast
Cronaca

Alluvione, Burlando si commuove davanti al disastro di Vernazza e intanto sale il numero delle vittime

Claudio Burlando

Claudio Burlando oggi a Vernazza, dopo aver incontrato i cittadini e avere ascoltato i racconti della devastazione, ha pianto. Il governatore ligure si è commosso durante l’incontro in Comune con il sindaco di Vernazza, Vincenzo Rescasco, e con il capo della protezione civile, Franco Gabrielli, mentre ascoltava le richieste degli abitanti del borgo, tra i più colpiti dall’alluvione. La piccola perla delle Cinque Terre è infatti la località che ha oggi maggiore bisogno di aiuto, come Burlando aveva sottolineato ieri subito dopo essere arrivato via mare, ancora oggi l’unica via di accesso.

E’ salito a sette il bilancio delle vittime dell’alluvione che ha colpito Liguria e Toscana. Mentre continua la ricerca degli altri sei dispersi. Sono al lavoro i sommozzatori dei vigili del fuoco con l’appoggio di un gommone. I vigili del fuoco stanno impiegando anche unità cinofile. Intanto sono in arrivo circa 150 vigili del fuoco da tutta l’Italia del Nord per sostituire o affiancare gli oltre 200 colleghi impegnati da martedì nelle operazioni.

Tra i comuni più colpiti Borghetto, Brugnato, Rocchetta Vara, Zignago in Val di Vara e Monterosso, Vernazza e Corniglia nelle Cinque Terre. Proprio da questi paesi arrivano i racconti più drammatici. “La parte bassa di Monterosso è sotto terra, completamente sommersa da detriti: fino a un’altezza di tre metri, da piano terra fino a primo piano, ci sono milioni di metri cubi di sassi e fango”, ha raccontato il sindaco di Monterosso, Angelo Betta. Molte strade rimangono allagate o inagibili a causa di frane e smottamenti, e cinque ponti sono crollati, travolti dalla piena del fiume Magra.