Visita del Consiglio Comunale al porto di Genova: panoramica via mare degli interventi - Genova 24
Cronaca

Visita del Consiglio Comunale al porto di Genova: panoramica via mare degli interventi

Genova. Il Consiglio Comunale ha visitato il porto di Genova in barca, con una guida speciale; il presidente dell’Autorità Portuale, Luigi Merlo. “L’iniziativa proposta da Merlo è stata sposata appieno anche dalle commissioni competenti – spiega Giorgio Guerello, presidente del Consiglio Comunale – lo scopo è quello di far vedere ai consiglieri dal vivo, dal mare addirittura, le realtà del nostro porto, per poter lavorare meglio anche in un momento urbanistico come quello attuale del Puc. La città e il porto sono un tutt’uno ed è fondamentale continuare a incentivare questa unione”.

L’invito del presidente Merlo è stato rivolto alla Provicia, che ha già effettuato la visita, al Comune, che proprio ora sta visionando il porto via mare e alla Regione. “Spero che anche la Regione accetti quanto prima perché credo sia doveroso illustrare le opere in corso – spiega Merlo – Le istituzioni devono prendere decisioni importanti in merito ed è giusto che vedano dal vivo gli interventi già effettuati e quelli in corso d’opera”.

I dati il traffico di merci nel porto registrati nel primo semestre del 2011 sono incoraggianti. “Continua il trend di crescita e in termini assoluti si tratta di numeri rilevanti, intorno al + 6% – spiega Merlo – Se non ci fosse stata la crisi del Nordafrica, che ha colpito soprattutto genova, quest’anno avremmo battuto un record. Ma quello che ci preoccupa è la prospettiva futura, perché c’è un rischio di recessione e se c’è la recessione diminuiscono i consumi, facendo dimunire conseguentemente la circolazione di merci. Ci auguriamo che dopo la manovra arrivi anche un’azione di rilancio”.Sul possibile aumento dell’Iva, il presidente ha commentato: “Avevamo chiesto che almeno l’aumento dell’Iva nei confronti dei porti venga ridestinato ai porti stessi. Se così non fosse andremo ad aggiungere problemi a quelli già esistenti”.

“Nei porti cerchiamo di migliorare l’offerta, ma ci sono elementi oggettivi, a partire dalla diminuzione degli organici degli enti pubblici, per passare all’aumento delle procedure burocratiche, che sono dissimili da quelli del resto dell’Europa – continua Merlo – Vogliamo una portualità italiana più simile a quella europea”.

Tornando al tema della visita in porto vera e propria, Merlo illustrerà ai consiglieri comunali i lavori di Bettolo, che è in grande stato di avanzamento, Ponte dei Mille, che sarà inaugurato il 24 settembre, i lavori terminati presso la banchina di Fincantieri, i lavori di Ponte Parodi ed altri interventi visionabili via mare.

“Il nuovo ponte consente l’attracco di navi lunghe 340 metri – ha spiegato Merlo, che in tema di traffico passeggeri ha fatto il punto anche sul futuro del Porto di Voltri – Abbiamo accolto una parte delle osservazioni arrivate dal Consiglio Comunale di Genova e stiamo predisponendo una revisione del progetto che accoglie quelle che riguardano la fascia di rispetto e l’impatto con la città. Credo di poter ripresentare la proposta all’interno del piano regolatore e mi auguro che, da parte di tutti, ci sia la consapevolezza che il traffico Ro-Ro, passeggeri e merci, all’interno del bacino del Mediterraneo è destinato a crescere in maniera significativa. Attualmente il porto tradizionale, stazione Marittima, sta raggiungendo livelli di saturazione e quindi, se si vuole crescere in questo mercato bisogna costruire soluzioni alternative. Io sono per costruirle nel dialogo -ha concluso Merlo – e mi auguro che si possa trovare una soluzione, velocemente, per dare risposta a questo mercato”