Quantcast
Cronaca

Tunnel Fontanabuona, l’associazione Civitas invita al confronto: “Opportunità per Rapallo”

Rapallo. “L’iniziativa a Rapallo sul tunnel Valfontanabuona è stata molto riuscita e partecipata”. E’ il commento postato su Facebook dall’assessore regionale alle Infrastrutture, Raffaella Paita, sulla tavola rotonda organizzata dall’associazione “Civitas-Informare per decidere”, sul tema :”Tunnel Rapallo-Fontanabuona: è un’opportunità per Rapallo? La città si confronta” che si è svolta questa mattina a Rapallo con l’assessore Paita, Enrico Castagnone (Consorzio Operatori Rapallo), Leopoldo Poppi (presidente della Tomasoni Top Sail), Massimo Pernigotti (consigliere provinciale) e Mariella Gerbi (consigliere comunale rapallese).

“Siamo partiti dal tunnel Fontanabuona con l’obiettivo di ampliare la discussione – spiega Antonella Cerchi, presidente di Civitas – all’insegna del confronto e dell’informazione. Anche per i prossimi incontri il modus operandi sarà lo stesso: ascoltare posizioni diverse per sensibilizzare la popolazione e innalzare il livello del dibattito a Rapallo”.

Per il “battesimo” l’associazione ha scelto quindi di parlare del tunnel che dovrebbe collegare la cittadina e la Valfontanabuona in pochissimi minuti. Un’opera che se da molti è vista positivamente, come un volano per lo sviluppo, da altri, in prima luogo dagli operatori economici, è stata salutata dapprima con una certa freddezza, per via della concorrenza. “L’incontro di oggi è servito anche a dipanare questi dubbi – ha detto Cerchi – lo stesso Castagnone ha ribadito che non c’è comunque futuro per chi non sarà in grado di fare impresa e stare sul mercato”. Ma la maggioranza delle persone a Rapallo, rinomata per una certa chiusura e poco dedita all’innovazione, a detta della Cerchi vede l’opera come “un’opportunità”.

“Senza questa possibilità, un’azienda leader come Tomasoni si trasferirebbe subito in ValPadana- sottolinea la presidente di Civitas – sarà compito della città, dalle istituzioni alle categorie, cogliere l’opportunità di questo collegamento”. L’opera che in realtà consiste in un raccordo autostradale in tre anni di iter ha messo tutti d’accordo o quasi. Voluta dai Comuni della Vallata, è stata “osteggiata” dal Circolo della Pulce che aveva anche proposto un tracciato alternativo. “Ma è un po’ fuori tempo massimo, si è già arrivati all’accordo – chiosa Cerchi – un serio problema invece sarà come far arrivare la gente al mare, dati i problemi di traffico di Rapallo e il mancato accordo dell’amministrazione con la Regione”