Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tullo: “In Parlamento il Pd darà battaglia su questa manovra”

Genova. Ieri a Genova si è avuto un assaggio di quello che potranno riservare i prossimi giorni. La Cgil è stata tutto il giorno in presidio in Piazza De Ferrari, la Cisl ha richiesto e ottenuto di discutere in Prefettura.

Lunedì 5 settembre continuerà lo stato di agitazione.

Ieri è stata una giornata concitata anche per l’on. Pd Mario Tullo, che ha fatto visita a entrambe le sigle sindacali e che ai nostri microfoni ha dichiarato fermamente tutti i problemi della manovra economica presentata dal Governo.

“Si deve saldare un’opposizione sociale che non vede come protagonisti non solo le organizzazioni sindacali, ho apprezzato le parole del Cardinal Bertone che ha posto la questione di un attacco immotivato alle cooperative, ma anche Confindustria si è schierata contro la manovra”.
Tullo punta l’accento sulla trasversale opposizione mostrata nei confronti di questa manovra. “E’ una manovra iniqua, nel merito e anche il metodo è sbagliato perché non è stato aperto un dialogo con l’opposizione. Il Governo continua ad andare avanti con gli occhi chiusi senza guardare a quelli che sono i problemi del paese”.

Se questa è la condizione, Tullo avverte che a differenza di quanto accaduto qualche mese fa, questa volta l’opposizione in Parlamento non farà sconti: “Noi abbiamo dato prova di responsabilità nel mese di luglio anche dopo l’appello del presidente della Repubblica, le opposizioni hanno fatto approvare una manovra in tempi rapidi. Questa volta non faremo sconti, questa manovra non risolve neppure i problemi con l’Europa, che considerano la manovra insufficiente. Potrebbe accadere che anche la Banca Europea chiuda i rubinetti come succederà con gli enti locali, che non avranno più fondi per i servizi essenziali”.